Conte, fase due: Tutti i dettagli

Il premier Giuseppe Conte ha illustrato in conferenza stampa il nuovo decreto

L’Italia è ufficialmente entrata nella fase 2, ad annunciarlo il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa: “Inizia la fase 2, stiamo riuscendo a contenere la pandemia grazie ai sacrifici fatti. Adesso inizia la fase di convivenza con il virus, adesso c’è il rischio che la curva dei contagi possa risalire. Lo affronteremo con metodo e rigore. Sarà importante la responsabilità dell’individuo”

Il Premier ha poi parlato delle mascherine, argomento al centro delle discussioni negli ultimi giorni: “Arcuri con un’ordinanza fisserà il prezzo delle mascherine, il nostro impegno è quello di eliminare l’iva su di esse.”

Per quanto riguarda l’ultima riunione con i vertici europei Conte dichiara:”Nel consiglio europeo abbiamo fatto un passo avanti, il recovery found offrirà anche all’Italia di percorrere una strada più veloce per la ripresa. Dovremo bilanciare bene questo strumento e l’unione europea dovrà offrirlo subito ai paesi colpiti.”

Sull’aspetto economico il premier chiarisce: “Stiamo sperimentando la possibilità di aggiornare il bonus dei 600 euro. Ci saranno finanziamenti per le imprese. Non lasceremo gli operatori turistici da soli.”

Ed infine ha illustrato i punti del nuovo Dpcm: “Dal 4 Maggio al 18 maggio saranno possibili spostamenti dentro la regione per comprovate esigenze. In aggiunta la possibilità di far visita ai parenti. Le visite saranno mirate con l’adozione di mascherine e divieto di assembramento. Tra regioni lo spostamento è consentito solo per urgenze. Chi presenta febbre maggiore di 37 gradi e mezzo ha l’obbligo di restare nel proprio domicilio.”

Conte ha poi parlato delle attività sportive e delle cerimonie funebri: “Per attività sportiva ci si potrà spostare ma mantenendo le misure di sicurezza. Dal 4 maggio saranno consentiti gli allenamenti degli atleti professionisti e di interesse nazionale, senza assembramenti. Per le cerimonie funebri sarà possibile effettuarle ma con distanziamento sociale, mascherine e con un massimo di 15 persone.”

Come anticipato arriva l’apertura per il settore manifatturiero ed edilizio: “Riapriamo dal 4 maggio la manifattura, l’edilizia ed il commercio all’ingrosso funzionale ad esse. Ai ristoranti sarà consentito consegnare d’asporto”.

Sulla scuola il premier è stato chiaro, la riapertura è prevista per Settembre e la ministra Azzolina sta lavorando sulla formula degli esami di stato.

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due