Contrade e Carabinieri si alleano per combattere le truffe agli anziani

Per conto delle Commissioni Solidarietà delle Contrade in programma un ciclo di incontri organizzati insieme  al Comando Provinciale dell’Arma

Prosegue l’iniziativa “Salute in Contrada”, intrapresa dalle commissioni solidarietà di quattordici consorelle e patrocinata dal Magistrato delle Contrade e dal Comune di Siena. Stavolta l’attenzione delle commissioni solidarietà si concentra sul tema delle truffe, reato odioso di cui spesso restano vittime le persone anziane. Avviene purtroppo continuamente, anche nella nostra città, che malintenzionati carpiscano la fiducia dei più indifesi, riuscendo a raggirarli e causando loro notevoli danni economici e morali. Per indicare come difendersi dai tentativi di truffa, le commissioni solidarietà organizzano insieme al Comando Provinciale dei Carabinieri tre incontri pubblici, uno per ogni Terzo della città. Venerdì 18 gennaio, dalle ore 17,30, nei locali della Contrada del Drago, il Capitano Alberto Pinto (comandante della Compagnia di Siena) illustrerà le tecniche utilizzate dai truffatori, affinché i cittadini siano in grado di riconoscerli, di tutelarsi e di difendersi. Dopo il Terzo di Camollia, sarà la volta del Terzo di San Martino: l’incontro sarà infatti replicato mercoledì 23 gennaio, dalle ore 17,30, nei locali della Contrada della Torre. Ultimo appuntamento venerdì 25 gennaio, sempre dalle ore 17,30, nei locali della Contrada della Selva per il Terzo di Città. I tre incontri sono aperti ai contradaioli di ogni età ed a tutta la cittadinanza.

Sono tre gli appuntamenti in programma, uno per ogni Terzo della città, sempre alle 17,30:
 – venerdì 18 gennaio ore 17,30 nei locali della Contrada del Drago;
 – mercoledì 23 gennaio ore 17,30 nei locali della Contrada della Torre;
 – venerdì 25 gennaio ore 17,30, nei locali della Contrada della Selva;
Il Capitano Alberto Pinto (comandante della Compagnia di Siena) illustrerà le tecniche utilizzate dai truffatori, affinché i cittadini siano in grado di riconoscerli, di tutelarsi e di difendersi: i tre incontri sono aperti ai contradaioli di ogni età ed a tutta la cittadinanza.