Controlli, il Prefetto Forte: “Senesi responsabili, da attenzionare solo situazioni nei weekend”

Il Prefetto non prevede una forte stretta nei controlli nel passaggio da zona gialla a zona arancione, se non in alcune situazioni particolari

La Toscana cambia colore, da zona gialla ad arancione. Adesso non sarà consentito lo spostamento al di fuori del comune di residenza, se non per esigenza. In questo caso, ad ogni spostamento sarà necessario munirsi di autocertificazione.

Vietati quindi anche gli spostamenti in entrata e in uscita dalla zona a più alto rischio. Resta in vigore poi il divieto di circolazione assoluto dalle 22 alle 5 se non per comprovata necessità.

Chiudono i bar, ristoranti e pubblici esercizi assimilabili sette giorni su sette, con possibilità di asporto, solo fino alle 22, e consegna a domicilio. Inoltre restano attive tutte le precedenti restrizioni quali chiusura dei centri commerciali nel weekend, chiusura dei musei e mostre, palestre piscine, aperti invece i circoli e centri sportivi.

Quello che si appresta a vivere la Toscana dalla mezzanotte di oggi è uno scenario più restrittivo rispetto a quello delle ultime settimane, per il quale il Prefetto non ha però intenzione, per ora, di potenziare i controlli vista la responsabilità mostrata dai senesi, se non in situazioni particolari durante il weekend.

“I controlli continueranno così come sono stati disposti, anche perché sul territorio di Siena e della provincia tutta la cittadinanza ha risposto responsabilmente – spiega il Prefetto Maria Forte – Ma ci sono delle situazioni che verranno attenzionate, soprattutto nei fine settimana. Ribadisco che nelle condizioni in cui ci troviamo quello che è importante è la prevenzione; una scrupolosa osservazione delle regole di comportamento aiutano la collettività uscire prima da questo momento”.