Coronavirus, i dati della protezione civile: 66.414 i casi positivi in Italia, 9.134 i deceduti

Protezione Civile: L'aggiornamento del 27 Marzo

Presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile proseguono i lavori del Comitato Operativo al fine di assicurare il coordinamento degli interventi delle componenti e delle strutture operative del Servizio Nazionale della protezione civile.

Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 66.414 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 86.498 i casi totali.

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 23.895 in Lombardia, 9.361 in Emilia-Romagna, 6.648 in Veneto, 6.347 in Piemonte, 3.170 in Toscana, 2.850 nelle Marche, 2.060 in Liguria, 2.013 nel Lazio, 1.292 in Campania, 1.236 in Puglia, 1.164 nella Provincia autonoma di Trento, 1.158 in Sicilia, 1.027 in Friuli Venezia Giulia, 925 in Abruzzo, 833 nella Provincia autonoma di Bolzano, 824 in Umbria, 496 in Sardegna, 469 in Calabria, 413 in Valle d’Aosta, 147 in Basilicata e 86 in Molise.

Sono 10.950 le persone guarite. I deceduti sono 9.134, ma questo numero potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. La mappa della situazione in Italia
I dati della mappa si riferiscono ai casi totali (86.498) e non a quelli attualmente positivi (66.414)

La mappa della situazione in Toscana
i dati della mappa si riferiscono ai casi totali (3.450) e non a quelli attualmente positivi (3.170)

Andamento nazionale

I dati

I dati sui contagiati, sui decessi, sulle persone guarite e sulla distribuzione regionale del focolaio in corso nel nostro Paese sono resi noti dal Ministero della Salute, in sinergia con le informazioni disponibili dalla Protezione Civile.

I casi sospetti per COVID-19 vengono inizialmente testati presso i laboratori di riferimento individuati dalle Regioni e dalle PA. Sui casi che risultano positivi l’ISS effettua test di conferma all’infezione da SARS-CoV-2, come indicato nelle circolari ministeriali del 22, del 27 gennaio 2020 e del 22 febbraio 2020. Solo quelli risultati positivi al secondo test sono casi “confermati” e inviati alle autorità sanitarie internazionali (ECDC, OMS).

Quando si consultano i dati italiani riportati sui siti delle istituzioni internazionali bisogna considerare che il processo di validazione e conferma dei casi può causare un ritardo e dunque un non sincronismo delle informazioni disponibili a livello locale e sui siti degli organismi internazionali. Tuttavia si sottolinea che, indipendentemente dal flusso di pubblicazione dei dati, le istituzioni nazionali e internazionali sono in stretto contatto e aggiornate in tempo reale.

Errebian
All Clean Sanex
Electronic Flare
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due