“Franco Caroni è Siena Jazz”. Il mondo della musica lancia la petizione su Change.org

Al momento sono più di 1800 i firmatari, tra cui alcune personalità molto note nel panorama musicale italiano

“Franco Caroni è fondatore e anima di un’esperienza che ha cambiato e dato forza alla storia del jazz in Italia, contribuendo alla formazione di più generazioni di musicisti”. Si apre con queste parole la petizione su Change.org intitolata “Franco Caroni è Siena Jazz“. Le dimissioni del direttore artistico hanno scosso il mondo della musica e la mobilitazione è stata notevole.

“Abbiamo già raccolto più di 1000 firme in meno di 24 ore – dichiara il presidente di I-Jazz Gianni Pini – Io credo che questo da soli testimoni che cosa sta succedendo e che cosa ha significato Siena Jazz in un pezzo di storia della musica, a Siena, in Toscana e in tutta Italia”.

Al momento sono più di 1800 le persone che hanno deciso di firmare la petizione; tra queste anche delle personalità molto note nel panorama musicale italiano come Stefano Bollani, Paolo Fresu, Simone Graziano, Ada Montellanico, Enrico Rava, Danilo Rea, Luciano Linzi, Corrado Beldì e Gianni Pini. Le richieste dei firmatari sono le seguenti: ricomporre il dissidio aperto con il Comune di Siena, lasciare che le nomine artistiche siano di competenza degli organismi, lavorare per il futuro di questa istituzione e indurre Franco Caroni a ritirare le sue dimissioni.

“Quello che colpisce è che non si sia voluta trovare una soluzione, si è voluti passare all’atto di forza, e non è così che si risolvono i conflitti – prosegue Pini – Al tempo stesso è partita anche una lettera firmata dalla Federazione del Jazz italiano al Sindaco”: