Giovanili Acn Siena, l’ad Petrocelli: “Partiremo con 10 squadre e con lo staff già noto”

Al termine di una lunga giornata in casa bianconera l'ad fa il punto: "La situazione delle giovanili però è attualmente risolta senza nessun problema"

“Sono momenti aziendali”, così commenta la giornata di oggi dell’Acn Siena l’Ad Leonardo Petrocelli. Una giornata che ha visto rincorrersi tante voci, tutte partite dal fulmine a ciel sereno dell’annullamento della conferenza stampa pre-partita di mister Gilardino, alla quale è seguita la comunicazione della fine del rapporto tra la società e l’addetto stampa Edoardo Brunetti. Tanti i dubbi sulle giovanili, un argomento delicato sul quale è intervenuto, nel commentare la vicenda, anche l’advisor nel passaggio della società bianconera al gruppo armeno Andrea Bellandi, che ai microfoni di Siena Tv si è espresso riguardo a un possibile ridimensionamento del settore giovanile, sottolineando come, tra gli impegni presi con l’amministrazione comunale, “non era scritto da nessuna parte che si dovessero fare 10 squadre con un impegno di tecnici che è da società di serie A“.

A seguito di queste dichiarazioni la situazione in casa Robur si è accesa, con il responsabile del settore giovanile bianconero Stefano Argilli che ha preferito non commentare quanto appreso, sottolineando però di non trovarsi d’accordo, e chiedendo un intervento della società sull’argomento, che è arrivato tramite le parole dell’ad Petroncelli.

“Siamo in una fase di partenza in cui stiamo riguardando alcune cose – continua l’ad – Inizialmente ci siamo dedicati molto sulla prima squadra, adesso ci siamo confrontati sulle giovanili. La situazione delle giovanili però è attualmente risolta senza nessun problema. Partiremo con 10 squadre e con lo staff già noto. Nei prossimi giorni comunicheremo ufficialmente tutti i dettagli, come deciso”. Per quanto riguarda il nome del nuovo addetto stampa commenta: “ci stiamo lavorando”. Infine aggiunge: “Il clima è positivo sia nella società che nella squadra”.