Gli infermieri senesi invitano i cittadini a scoprire la loro professione

Dal 10 al 12 maggio al via un fine settimana di appuntamenti pubblici con un convegno e una serie di incontri in piazza a Siena sui temi della salute

Gli infermieri senesi incontrano i cittadini in un fine settimana ricco di appuntamenti: venerdì 10, sabato 11 e domenica 12 maggio anche nella città del Palio si celebra la Giornata Internazionale dell’Infermiere, un appuntamento che ogni anno unisce idealmente 13 milioni di infermieri che operano in tutto il mondo. Una data scelta a livello mondiale per ricordare Florence Nightingale (nata appunto il 12 maggio 1820) fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne, ancora oggi punto di riferimento per chi svolge questa professione.

Ed è proprio questa ricorrenza che offre anche agli infermieri senesi la possibilità di uscire dai loro reparti e incontrare i cittadini per parlare della loro professione e dei profondi cambiamenti che ha attraversato negli ultimi anni. Si comincia venerdì 10 maggio alle ore 14.30 quando nella sala convegni di Palazzo Patrizi si svolgerà un convegno aperto al pubblico e dedicato al lavoro infermieristico e, in particolare, ai primi venti anni dalla legge 42/99.

Sabato 11 invece gli infermieri saranno in Piazza Gramsci e domenica 12 maggio in Piazza Matteotti dove, dalle ore 10 alle ore 14, in un spazio appositamente dedicato, offriranno ai cittadini informazioni su vari temi legati alla salute quali le malattie sessualmente trasmissibili, le cure palliative e hospice, la donazione di organi e tessuti, la banca del latte e molto ancora. Un modo per raccontare come la loro professionalità abbracci saperi e competenze differenti, frutto di un percorso formativo importante che costantemente viene sottoposto ad aggiornamenti e approfondimenti.

“Come ogni anno, in occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere – commenta il presidente di OPI Siena, Michele Aurigi -, vogliamo richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui valori etici di cui siamo portatori, ma anche raccontare chi è l’infermiere del secondo millennio, come è cambiato negli ultimi decenni e quali sono le potenzialità della professione che, già riconosciute a livello accademico e normativo, migliorerebbero i servizi ai cittadini, ma che non sempre le organizzazioni sanitarie in Italia riescono a cogliere e lasciar esprimere al meglio”.

“Voglio augurare a tutti gli infermieri di trovare sempre ispirazione nella figura di Florence Nightingale -conclude Aurigi – donna forte che riuscì a rompere gli schemi del proprio tempo con il solo scopo di garantire un’assistenza di qualità. Che questo esempio ci sia di stimolo per costruire l’infermieristica del futuro”.

Estra
Lusini Gas
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca