Gruppo Mps prosegue il suo impegno per l’attuazione dell’agenda 2030 delle Nazione Unite

Un anno fa l’adesione come primi firmatari dei Principles for Responsible Banking. Quasi 200 le banche che hanno aderito in tutto il mondo

Esattamente un anno fa, il 22 settembre 2019, più di 130 banche alla presenza del Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, hanno firmato il primo quadro di sostenibilità globale per il settore bancario: i Principi delle Nazioni Unite per un’attività bancaria responsabile. Banca Mps, uno dei due primi firmatari italiani, si è impegnata in questo modo ad allineare la propria strategia e le proprie pratiche aziendali agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite e agli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima.

Dalla firma dei PRB allora sono stati fatti molti passi avanti a livello globale. Un anno dopo, il numero dei firmatari è cresciuto fino a raggiungere quasi 200 banche che si occupano collettivamente delle attività di oltre 1,6 miliardi di clienti in tutto il mondo e rappresentano circa il 40% delle attività bancarie globali. Nel mese di agosto è stato eletto un organo di governo, il Banking Board, che vigilerà sull’effettiva attuazione dei Principles for Responsible Banking e che sarà affiancato da un organo composto da membri della società civile per aiutare a monitorare i progressi collettivi e garantire indipendenza.

Per sviluppare le risorse per attuare i Principi e imparare gli uni dagli altri, inoltre sono stati creati dei Gruppi di Lavoro a cui partecipano oltre 300 membri del personale di 125 banche. I prossimi passi che ci aspettano sono ancora più importanti.  Dal 2021, l’UNEP FI esaminerà infatti annualmente la rendicontazione di ciascuna banca rispetto ai progressi nell’attuazione dei Principles for Responsible Banking: le banche forniranno il loro primo rapporto pubblico sui progressi collettivi a partire dal 2021.

La pandemia COVID-19, che ha preso piede proprio mentre le banche stavano iniziando ad attuare i Principi, è servita a evidenziare quanto la salute e la prosperità della società dipendano da ecosistemi sani ed economie resilienti. Banca Mps si è attivata per supportare i propri clienti e l’economia. Il grande lavoro messo in campo sia con il supporto economico a famiglie e imprese in difficoltà, sia internamente per la sicurezza dei dipendenti e dei clienti, è stato un banco di prova importante per orientare i cambiamenti che la Banca stava già mettendo in atto. Nell’ultimo anno, infatti,  la Banca ha  proseguito nel percorso per l’integrazione della Sostenibilità nel business attraverso programmi di formazione mirati per tutto il personale,  migliorando la sua governance e attribuendo al comitato Rischi anche il controllo dell’attuazione delle politiche di sostenibilità del Gruppo.

Proseguendo nel percorso di attuazione dei Principles, Banca MPS vuole così contribuire non solo al rilancio dell’economia, ma anche a trasformare la ripartenza in un’opportunità per promuovere uno sviluppo equilibrato sotto il profilo economico, ambientale e sociale.