I ristoratori senesi: “Stagione turistica disastrosa. Poche presenze rispetto allo scorso anno”

Meno pernottamenti e minori presenze per pranzi e cene nei ristoranti senesi. Da rivedere la sovrapposizione tra Notte Bianca e Street Food internazionale. Le proposte del presidente della Fipe Siena, Marco Cioni

Stagione turistica da rivedere e poche presenze rispetto anche allo scorso anno. A dirlo sono i ristoratori senesi, con il presidente della Fipe Siena, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Marco Cioni. “Viviamo una stagione pressochè disastrosa rispetto agli altri anni – fa notare Cioni – Le presenze per il Palio erano inferiori. Nonostante il limite massimo della capienza fosse aumentato, c’erano spazi vuoti evidenti”. Secondo l’esperienza degli operatori ci sono anche meno pernottamenti e dunque minori presenze per la cena nei ristoranti senesi. “Registriamo un numero inferiore a cena rispetto al momento del pranzo. Spesso i turisti che accogliamo dormono fuori Siena, in Val d’Orcia per esempio, quindi visitano la città per un giorno e poi tornano nei territori dove alloggiano”.

Da rivedere la sovrapposizione tra Notte Bianca e Street Food internazionale. “L’organizzazione dello street food (circa 30 banchi internazionali) alla Lizza con la Notte Bianca non può andare bene – dice Cioni – Deve essere fatta una programmazione diversa e attenta a noi che siamo sul territorio. Ed infatti abbiamo registrato presenze inferiori per la Notte Bianca rispetto a quella fatta 10 anni fa. Il flusso delle persone era alla Lizza e poi raggiungeva il centro quando aveva già mangiato. Alla ristorazione insomma è servita ben poco”.

Tante le proposte di Fipe. “Il brand Siena non può vivere di sé stesso – osserva Cioni – Devono essere creati eventi ed investimenti in strutture, infrastrutture e servizi oltre che in pubblicità e promozione. Anche da parte della Regione Toscana stessa manca la pubblicità sui canali nazionali del brand regionale “Toscana”, come invece fanno altre regioni. E poi, la programmazione corretta degli eventi, l’anticipo della fase promozionale. Tutto questo serve per allungare i soggiorni e stimolare le presenze. Ad Arezzo la Cena Bianca è stata promossa con tre mesi di anticipo. Non possiamo vivere solo del nome “Siena”, insomma. Tanto più che qui servizi e tasse sono tra le più alte. Per quanto riguarda nello specifico la Notte Bianca parliamone già ora per il prossimo anno per cogliere tutte le opportunità possibili”.

Errebian
Electronic Flare
All Clean Sanex
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due