Il nuovo inizio è dolce: il Siena vince e convince anche soffrendo un po’

Doppietta di Sartor opportunista e  cinico. Nel finale De Sousa dimezza le distanze. Buona la prova generale anche se c’è tanto ancora da lavorare

“Un nuovo inizio”, film del 2003 diretto da Howy Parkins. E’ proprio quello che cercava il nuovo, appunto, Acn Siena chiamato, in una domenica quasi invernale, a vincere all’esordio stagionale. I ragazzi di Gilardino, superano la prova esibendo già una coesione di squadra per nulla malvagia. Sugli scudi la prova di Sartor, uomo decisivo, e quella di Nunes: piedi ottimi e tecnica sopraffina a servizio del gruppo. Un po’ si soffre nel finire del match perchè l’Ostia Mare non molla e graffia con De Sousa: ma il triplice fischio dell’arbitro libera la gioia nella città del Palio.

Si gioca in uno stadio semideserto mentre nell’aria echeggiano i canti degli ultras che cercano, seppure da lontano, di far sentire la loro vicinanza alla squadra. Lodevoli. L’Ostia Mare, profonda conoscitrice della categoria, arriva a Siena desiderosa di ben figurare sul terreno che appare il più prestigioso, per tradizione storico-calcistica, del girone.

Si inizia con un minuto di silenzio in ricordo dell’arbitro De Santis recentemente scomparso in circostanze drammatiche. Ospiti subito pericolosi e intraprendenti ma sono i padroni di casa a passare in vantaggio. Al 4’ magistrale punizione di Nunes, traversa interna con la palla che batte sull’erba. Lestissimo Sartor che, di testa, infila Giannini. Esplode la gioia: bianconeri (per l’occasione in tenuta “total black”) sono avanti. La frazione fila liscia senza troppi brividi.

In inizio di secondo tempo, ecco il film già visto. Questa volta è bravissimo Guidone a lavorare bene la palla a sinistra, assist al centro: la sfera vaga per un attimo, Sartor è bravissimo a ribadire in rete. 2-0 per il Siena. I ragazzi di Gilardino giocano bene e, sulla sinistra, Nunes prova ancora ad illuminare: la sua botta di esterno esce di poco. Al 25’ Narduzzo dice presente: freccia rasoterra di Cabella ma l’estremo difensore di casa si stende a terra e nega la rete.

Il buio comincia a calare, il tempo scorre, la temperatura scende. I cambi non incidono sugli equilibri ma Guidone, promosso capitano, e soci si complicano la vita. Distrazione in difesa, bravo De Sousa a mettere dentro. Ora tocca soffrire. Forte, appena entrato, non scarta un cioccolatino confezionato da Guidone e gli ultimi 5 minuti sono di fuoco. Il Siena tiene, stringe i denti e  porta a casa i primi 3 punti.

L’inizio fa ben sperare. Anzi, il nuovo inizio.

Giornalista pubblicista da oltre 15 anni, si occupa di comunicazione nel pubblico impiego. Ha lavorato in Italia e all'estero. Si dice onorato di risiedere a Siena, città che vede crescere i suoi figli. Parla e scrive di sport ed attualità: nel suo passato radio e carta stampata. Nel presente il web.