La Guardia di Finanza sanziona commerciante: vendeva beni non di prima necessità

L'episodio è accaduto a Poggibonsi durante un controllo per il rispetto delle normative anti-Covid

I Finanzieri del Comando Provinciale di Siena, sulla scorta delle indicazioni ministeriali ricevute, hanno intensificato i controlli allo scopo di prevenire qualsiasi comportamento che astrattamente possa rivelarsi non conforme alle misure di contenimento del contagio previste, a carico tanto delle attività commerciali, quanto delle persone fisiche.
Anche in questi giorni le Fiamme Gialle senesi hanno svolto un particolare monitoraggio nelle località ove sono più frequenti forme di aggregazione e, conseguentemente, è più alto il rischio di possibile contagio da COVID per effetto del mancato rispetto delle prescrizioni imposte dall’Autorità di Governo.

In questo contesto, i militari della Tenenza di Poggibonsi hanno individuato un commerciante valdelsano, rivenditore al dettaglio di prodotti appartenenti a varie categorie merceologiche, che nonostante i divieti imposti consentiva all’interno dei propri locali la vendita di prodotti ed articoli anche non di prima necessità.

Tale condotta, oltre a violare le norme restrittive anti-covid in vigore, evidenzia una pratica commerciale scorretta verso quei rivenditori che, per la specificità del proprio settore merceologico, hanno rispettato l’ultimo decreto governativo e chiuso temporaneamente la propria attività. Per tale motivo, il soggetto in questione è sanzionato amministrativamente nei termini previsti dalla legislazione vigente, con il monito di vedersi sospesa l’attività nel caso di reiterazione del comportamento scorretto.