Mens Sana, il futuro del tabellone segnapunti del Palaestra

Fallimento Mens Sana 1871: i possibili scenari sul futuro del tabellone segnapunti

Lo storico tabellone del Palaestra è in cerca di una nuova vita. In seguito al fallimento della Mens Sana 1871, il segnapunti, i ripetitori a bordocampo, i cronometri, i lettini per massaggio e le cyclette andranno all’asta; la cifra di partenza è di 32.050€. Questa notizia ha giustamente creato sconforto nei tifosi biancoverdi, che per tanti anni hanno visto quel tabellone imprimere per sempre nella storia i successi della Mens Sana, ma cosa succederà a quel simbolo dei trionfi sportivi senesi? Come detto la base d’asta è di 32.050€, un prezzo che – se si esclude il valore affettivo – è piuttosto fuori mercato per un tabellone segnapunti con alle spalle già diversi anni di utilizzo. Inoltre non è un oggetto per tutti i palazzetti: alcune parti sono state fatte su misura per il Palaestra, questo complica ancora di più l’eventuale acquisto da parte di un soggetto esterno alla questione. E’ quindi ipotizzabile che le convenzionali tre aste per un bene mobile vadano deserte, considerando i vari fattori sopraelencati. Nel caso ciò si verificasse verrebbe annunciata una quarta asta con offerta libera, e proprio la Polisportiva potrebbe in questo modo tornare in possesso del tabellone segnapunti senza spendere cifre proibitive. Per il momento la Polisportiva non interviene sull’argomento, e resta in attesa di ulteriori sviluppi, ovviamente il rischio che un altro compratore si faccia avanti ad una delle aste è concreto, ma non è da escludere che il futuro del tabellone segnapunti sia li dove è sempre stato, al Palaestra.