Palio 2022: Magistrato delle Contrade stasera a confronto

Ieri la riunione dei capitani: preoccupa la questione cavalli dopo due anni di stop

Dopo due anni senza Palio inizia un nuovo inverno in cui, oltre alla speranza di tornare finalmente a correre le carriere nel 2022, le contrade dovranno affrontare molti temi per capire come sarà possibile conciliare tradizioni e possibili restrizioni. Ancora troppo presto forse per poter definire nel dettaglio cosa si potrà realmente fare la prossima estate, ma la volontà di contradaioli e dirigenti è chiara: il Palio non può aspettare ancora. Così da una parte i capitani, dall’altra i priori hanno già iniziato a definire proposte e idee di cui discutere con le istituzioni.

Si sono incontrati ieri sera i 17 capitani, lo faranno questa sera i 17 priori. Da parte dei capitani si è cercato di analizzare le possibili difficoltà a livello di protocollo in cui ci si potrebbe imbattere dopo due anni di assenza dalla piazza. C’è la necessità di avere un numero maggiore di appuntamenti in calendario per la prossima stagione di corse di addestramento. Inoltre la necessità di tornare a provare i cavalli anche a Monticiano, pista che nella primavera 2020 non si era potuta utilizzare. Una situazione che ormai dovrebbe essere risolta. I capitani hanno sottolineato alcune problematiche relative ai cavalli che si presenteranno il prossimo anno. Come previsto dal protocollo soltanto quelli che hanno preso parte nel Palio precedente alle prove di notte possono essere ammessi alla tratta. In caso di palio a luglio 2022 quindi saranno ammessi soltanto coloro che hanno svolto le prove di notte ad agosto 2019, quindi cavalli dai 7 anni in su. Un problema, secondo i capitani, di cui parlare con l’amministrazione comunale, perché escluderebbe molti cavalli, almeno per la carriera di luglio. Questi alcuni temi che saranno presentati da decano e vice decano nel prossimo incontro con il sindaco De Mossi e di cui si tornerà sicuramente a parlare nei prossimi mesi.

Intanto al centro del mondo del Palio resta l’incognita più importante: si potrà correre nel 2022? e in caso con quali limitazioni? Lo scontro tra tradizione e restrizione continua ad essere il tema centrale che affronteranno anche questa sera durante la riunione del Magistrato delle contrade i 17 priori. Dopo il manifesto affisso dalla contrada dell’Aquila alcuni giorni fa, in cui chiaramente si inviava un forte messaggio a tutta la città sulla necessità di tornare a correre il Palio, adesso le contrade si riuniscono per iniziare un percorso insieme verso il 2022. Intanto i priori incontreranno anche il nuovo Questore, per iniziare un dialogo fondamentale per questo nuovo anno. Da domani capiremo quindi quali saranno i primi passi delle contrade in questo lungo inverno.