Ragazza vittima delle violenze dei genitori affidatari finisce a processo

La Procura di Siena,dopo una serie di aggressioni fisiche, nonostante prove testimoniali e referti medici, l'aveva rinviata a giudizio con l'accusa di simulazione di reato, ma è sopraggiunta la prescrizione

E’ finita a processo la ragazza residente nel senese vittima di inenarrabili violenze da parte dei genitori affidatari. Oggi al Tribunale di Siena, di fronte al giudice Luciano Costantini, si è concluso, col sopraggiungere della prescrizione, il procedimento che vedeva protagonista la donna accusata dalla Procura senese di simulazione di reato, in relazione a una serie di aggressioni fisiche subite nel 2011 a Colle Val d’Elsa.

Nonostante le numerose prove testimoniali e i referti medici che confermavano i segni delle percosse subite, la Procura (che ha chiesto comunque la condanna a 1 anno e 6 mesi) aveva ipotizzato che la giovane – difesa dall’avvocato Massimo Rossi, che di contro chiedeva l’assoluzione per l’insussistenza del reato – si fosse autoinflitta le ferite, disponendo anche una perquisizione domiciliare in cerca di riscontri, mai pervenuti.

I fatti si legano ai vari filoni di brutale violenze subite dalla donna, sfociati in un primo processo chiuso in Cassazione con la prescrizione dei reati ascritti alla coppia di genitori affidatari, e di una seconda indagine, inizialmente archiviata, ma su cui sono state di recente riaperte le indagini (LEGGI QUI).

C.C

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Siena Motori
Europa Due
Terre Cablate
Siena Bureau
Chianti Banca
Centro Farc