Rubano uno scooter e tentano di caricarlo su un’autovettura: arrestati due giovani

I due giovani, un tunisino di 32 anni e un italiano di 26, sono stati fermati e arrestati dai Carabinieri

Hanno rubato uno scooter e hanno provato a caricarlo su un’autovettura. Così due giovani, un muratore tunisino e uno studente universitario italiano rispettivamente di 32 e 26 anni, sono stati fermati dai militari dell’autoradio del NORM e condotti in caserma, dove sono stati arrestati dai Carabinieri, in attesa del processo con rito direttissimo. E’ accaduto domenica sera in viale Mazzini dove i militari stavano transitando: i giovani erano affaccendati ad infilare il ciclomotore nel bagagliaio della loro macchina, dopo aver abbattuto i sedili posteriori. I militari riflettendo sulla scena, apparsa poco chiara e sospettosa, hanno subito fatto inversione di marcia e hanno bloccato i due. Quella moto era stata rubata pochi istanti prima nella stessa via, da una rientranza della strada. Giunti in caserma i due si sono scaricati reciprocamente le colpe: l’auto risultava essere di proprietà della sorella del tunisino, il quale ha dichiarato di essersi fermato per aiutare lo studente italiano che aveva problemi col proprio ciclomotore. L’italiano ha invece asserito di essersi fermato ad aiutare lo straniero che cercava di infilare lo scooter nella propria autovettura. Per equità d’intenti i Carabinieri hanno arrestato entrambi, in attesa del processo con rito direttissimo. Sono stati riscontrati danni sulla fiancata destra dello scooter, poi restituito al legittimo proprietario.

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Electronic Flare
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due