Siena: Istituto Bandini, si parla di turismo nelle aree rurali, decrescita e sostenibilità

Studenti del Bandini a confronto con docenti universitari. Ospiti il professor Rossano Pazzagli dell’Università del Molise e il professor Fabio Berti dell’Università di Siena

Paesaggio e turismo nelle aree rurali, sostenibilità e nuovi paradigmi in un mondo che cambia velocemente. Sono i temi del secondo appuntamento con il progetto Madre Terra, Casa Futura format nel quale gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore Sallustio Bandini di Siena si confrontano con docenti universitari e personalità della società civile sul tema della sostenibilità.

Oggi lunedì 6 dicembre sono stati protagonisti del confronto nell’Aula Magna il professor Rossano Pazzagli docente dell’Università degli studi del Molise che ha parlato agli studenti di Paesaggio e turismo nelle aree rurali; partendo dal paesaggio come specchio delle trasformazioni storiche e delle potenzialità future dei territori si è cercato di definire il patrimonio territoriale e il suo uso per un turismo sostenibile, alternativo al modello del turismo di massa e inquadrato in una strategia di rinascita delle campagne e dei paesi che compongono gran parte dell’Italia.

A seguire, l’intervento del professor Fabio Berti dell’Università degli studi di Siena che ha introdotto il tema Sostenibilità o decrescita? Nuovi paradigmi per un mondo che cambia. Al professor Francesco Fasano il compito di definire la Sostenibilità come paradigma culturale: il ruolo della scuola ed il Sallustio Sostenibile.

Una seconda giornata, dopo quella in cui i ragazzi si sono confrontati sul tema della sostenibilità, scienza ed etica, che si inserisce nel percorso didattico dell’Istituto Bandini che offre numerosi argomenti attinenti al concetto di sostenibilità quali l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, l’economia circolare, la sostenibilità per acqua e suolo. Consapevoli che il learning by doing, imparare facendo, sia uno degli strumenti didattici più potenti, la scuola ha strutturato ed avviato numerosi progetti che coinvolgono direttamente tutta la popolazione scolastica. Ad esempio, il progetto “Bandini Plastic Free” mira contestualmente alla sensibilizzazione dei discenti ad un uso consapevole e sostenibile dell’acqua, ad una diminuzione della produzione di rifiuti, al corretto percorso della raccolta differenziata. Sono inoltre in campo numerose altre iniziative come l’installazione di alcuni fontanelli di acqua potabile dentro la scuola con contestuale distribuzione di borracce, la messa a dimora di 50 nuove piante di essenze autoctone nel terreno circostante la scuola, la collaborazione con aziende di auditing energetico per valutare interventi di riqualificazione energetica della struttura.