Home Cronaca Siena nel mercato turistico cinese attraverso “We Chat”: il progetto del Comune
0

Siena nel mercato turistico cinese attraverso “We Chat”: il progetto del Comune

0
0

L’Amministrazione punta a sviluppare l’accoglienza turistica cinese in grado di raccontare la destinazione Siena in Cina attraverso il canale WeChat, utilizzato da 1 miliardo di utenti

Siena e la Cina, sempre più vicine. La Giunta comunale ha approvato la ricerca sul mercato di una proposta progettuale dettagliata finalizzata allo sviluppo di un turismo di qualità e alla promozione del territorio senese in Cina, attraverso il noto canale di messaggistica “We Chat”. L’Amministrazione punta a sviluppare l’accoglienza turistica cinese in grado di raccontare la destinazione Siena in Cina attraverso il canale We Chat, diffondendo la conoscenza del patrimonio territoriale senese.

Nell’universo cinese  il canale “WeChat”, nato come piattaforma di messaggistica, si configura per gli utenti cinesi come un vero e proprio ecosistema digitale, con molteplici funzioni integrate, utilizzate ad oggi da 1 miliardo di utenti, con il quale l’utente cinese comunica, acquisisce e condivide informazioni, scambia denaro e compra servizi. Le città d’arte italiane, tra cui anche Siena, sono recentemente oggetto di forte interesse per il pubblico cinese, anche alla luce delle solide collaborazioni già in atto con il Comune di Siena, l’Università degli Studi di Siena e l’Università per Stranieri.

C’è quindi per la Giunta  “l’opportunità di potenziare e consolidare la capacità di accoglienza dei visitatori cinesi nel territorio senese per promuovere in Cina il patrimonio paesaggistico, storico artistico senese, attraverso l’utilizzo di una specifica piattaforma digitale comunicativa in grado di dialogare con la realtà cinese”. Il progetto punta dunque “a rendere il territorio più accogliente da punto di vista digitale e soprattutto accessibile per il turista cinese sempre alla ricerca di informazioni localizzate linguisticamente, culturalmente ed a livello digitale e a programmare servizi di pubblicità e attività di marketing territoriale adeguati”.

(foto da PYMNTS.com)