Traffico intenso a tutte le ore in via Camollia: la rabbia di esercenti e abitanti

Un problema legato non solo ai bus, ma anche ad auto, motorini e biciclette che transitano anche dalle 19 in poi nonostante il divieto di transito

Via Camollia è ancora al centro delle polemiche. Non solo gli esercenti, questa volta sono anche gli abitanti a segnalarci i problemi relativi sia al traffico intenso che alle continue infrazioni da parte dei cittadini e mezzi pubblici che continuano a transitare nella strada nonostante l’ordinanza sancisca la chiusura della via. “Il problema che ogni giorno viviamo è quello della sicurezza stradale, ma anche dello smog e delle polveri sottili, perché qui, specialmente per chi abita ai primi piani è praticamente impossibile aprire le finestre” rivela un abitante. “A noi servirebbe che venisse tolto almeno il transito dei pullman, perché così è impossibile vivere in questa situazione”.

“Con due capolinea che ci sono, uno in piazza del Sale e uno a 200 metri alla Lizza qui i pullman passano continuamente, anche fuori servizio – prosegue – C’è una delibera di 20/25 anni fa in cui i pullman fuori servizio non potevano passare; abbiamo continuato a telefonargli, ma trovano sempre scuse. E’ un ingorgo continuo dalla mattina alla sera“.

Quando passano i bus tremano le finestre, ce ne accorgiamo bene” rivela un altro dei residenti. Il problema però non riguarda soltanto il passaggio dei bus, ma anche quello di auto, motorini e biciclette che transitano a ogni ora del giorno, anche dopo le 19, nonostante un’ordinanza entrata in vigore il 1 Maggio vieti il transito dalle 19 alle 23.30 ai non residenti. “La via è caotica, per via dei mezzi pubblici, di biciclette che vanno in su e in giù – spiega un commerciante della zona – Non si vedono controlli, ci sono stati incidenti negli anni passati a causa di tutto questo”.