Un grande Siena soffre, ma abbatte il Tiferno

La Robur ritrova la strada maestra, trascinata da un grande Mignani e dalla doppietta di Agnello

Il Siena soffre ma conquista tre punti a Città di Castello, dove i bianconeri superano il Tiferno Lerchi 2-3 grazie alla doppietta di Agnello e l’autogol dei padroni di casa propiziato da una grande azione di Mignani, autore di un’ottima prova.

PRIMO TEMPO

Il Siena sì schiera con il 4-3-3 e deve rinunciare all’ultimo momento al suo capitano Guidone per un mal di schiena improvviso, al suo posto Orlando a far compagnia in attacco ai due esterni Gibilterra e Mignani.
Subito al primo minuto il Siena recrimina su un’azione in cui Mignani viene atterrato in area, l’arbitro lascia correre e Gilardino protesta in modo molto acceso. Buon approccio dei bianconeri alla partita con Gibilterra che spinge sulla destra e tutta la squadra che si porta avanti con più uomini, il tutto su un campo di calcio assolutamente indegno per la categoria, ma nonostante il terreno di gioco, il Siena continua a portarsi in proiezione offensiva grazie alle incursioni in velocità di Guglielmo Mignani che al 17° viene anticipato, poco prima del tiro, dopo aver seminato Gorini; sempre pericoloso il giovane attaccante senese, che al 25° arriva con un attimo di ritardo su un traversone sottoporta.

Al 27° ancora un’azione capolavoro di Guglielmo Mignani che strappa la palla a Orlandi, si invola in contropiede e serve benissimo l’assist per Agnello che porta in vantaggio il Siena, tagliando in due la difesa del Tiferno. Siena in vantaggio con merito. Da rilevare anche l’ottima prova dei due esterni difensivi Haruna e Martina sempre pronti all’anticipo e a far ripartire la squadra.

Allo scadere del primo tempo grande occasione per il Siena Gibilterra servito benissimo ancora una volta da Mignani trova l’opposizione del portiere Vaccarecci sul primo palo e pochi secondi dopo, proprio sul calcio d’angolo originato dall’azione precedente, su un batti e ribatti si inserisce ancora Agnello che sigla una doppietta per il doppio vantaggio della Robur a Tiferno. Finisce il primo tempo con il Siena avanti di due gol dopo aver offerto una prova assolutamente convincente e di grande sostanza, con D’Iglio uomo d’ordine a dettare il ritmo del gioco. I padroni di casa invece si sono fatti vedere molto di rado dalle parti di Narduzzo.

SECONDO TEMPO

La prima azione rilevante del secondo tempo si traduce nel gol del Tiferno. Siena impreparato su un corner avversario, si accende una mischia e Martina, con un tocco sfortunato, fa autogol. Padroni di casa che accorciano le distanze all’8° della ripresa.

Al 15° Gilardino è costretto a una sostituzione, si infortuna Carminati ed entra al suo posto Ruggeri. Successivamente però i tifosi bianconeri possono finalmente vedere il ritorno in campo di Luca Forte dopo il lunghissimo infortunio risalente ai primi di novembre, che sostituisce Orlando, esordio anche per Padulano che prende il posto di Gibilterra. Il Siena si dispone ora con un 4-3-1-2 con Forte che sembra posizionarsi da trequartista dietro le punte. Al venticinquesimo finisce l’ottima gara di un esausto D’Iglio che viene sostituito da Bani. Anche l’autore della doppietta Ciccio Agnello viene sostituito al 35° al suo posto entra Schiavon.

Il Siena da tutto se stesso e si produce in numerose incursioni tra cui quella di Martina e di Forte che mettono in grande difficoltà la retroguardia di casa. Al 40° la svolta della gara, la pressione del Siena viene premiata: è Guglielmo Mignani, in assoluto il migliore in campo, penetra in area, scarta l’avversario e tira verso la porta, c’è una deviazione di un difensore, ma il gol è tutto merito suo: Siena 3 Tiferno 1.
Al 45° l’arbitro concede un rigore a favore dei padroni di casa per un fallo di Sare che non sembra così netto. Valori segna dal dischetto. Il Tiferno accorcia ancora.
Negli ultimi minuti i padroni di casa provano il tutto per tutto spingendosi in avanti, ma il Siena fa buona guardia e conclude la partita. I ragazzi di Gilardino conquistano una preziosa vittoria, battendo 3 a 2 il forte Tiferno.