Una mostra sui personaggi del presepe alla Fondazione Conservatori Riuniti di Siena

"Un'occasione per far conoscere luoghi non molto conosciuti anche ai senesi stessi" ha detto l'assessore Alberto Tirelli.

La Fondazione Conservatori Riuniti di Siena apre i suoi spazi museali con una mostra dedicata alle figure del presepe di sua proprietà. Pastori, contadine e contadini, animali, re Magi sono alcuni degli elementi esposti per la prima volta in questa occasione. Le figure, di grandi dimensioni in cartapesta dipinta, fanno parte di un corpus realizzato tra la fine del XVIII secolo e il XIX secolo da artigiani toscani.

La tradizione del presepe fonda le sue radici nelle rappresentazioni all’interno delle Chiese durante il periodo natalizio e una tale testimonianza non poteva mancare all’interno di questa istituzione che per secoli è stata luogo di educazione e spiritualità. I locali dei Conservatori hanno infatti ospitato nel tempo giovani ragazze ma anche religiose senza dimenticare la Chiesa di San Raimondo al Refugio, luogo altamente rappresentativo di quella forma di religiosità volta ad educare i fedeli.

All’interno della mostra sono presenti ulteriori oggetti d’arte di proprietà della Fondazione come una preziosa scultura lignea probabilmente realizzata nel XV secolo e un bassorilievo cinquecentesco raffiguranti entrambi una Madonna col Bambino. Unitamente a questi due preziosi oggetti sono esposti messali con incisioni seicentesche raffiguranti la Natività, alcuni paramenti sacri in seta ricamata e dipinti facenti parte delle collezioni.

All’interno degli spazi museali sono inoltre esposte alcune opere appartenenti all’Associazione “Arte dei Vasai” della Nobile Contrada del Nicchio che rappresentano una piccola parte della raccolta di ceramica contemporanea di sua proprietà. La “Raccolta” è nata durante il percorso decennale della Festa all’Abbadia Nuova dal 2009 al 2018 organizzata dalla Contrada e dall’Associazione.

“Durante la pandemia – afferma Marcello Rustici Presidente della Fondazione Conservatori Riuniti di Siena – abbiamo continuato a lavorare ai nostri progetti, tra i quali quello che prende forma oggi, grazie alla collaborazione di tutte le istituzioni presenti al nostro interno e del Comune di Siena. Grazie a questa mostra e alle prossime iniziative che proporremo, vogliamo mettere a disposizione i nostri spazi e le nostre idee per valorizzare ancor di più l’offerta culturale della città. Stiamo attraversando mille difficoltà – continua il Presidente – ma proprio da queste troveremo le risorse per superarle guardando verso una delle cose più belle al mondo, la nascita di un bambino. Buon Natale!”

“Un patrimonio culturale importante che cerchiamo di rivalorizzare. Si tratta di statuine di misure più grandi di quelle dei normali presepi, ristrutturate dalla Fondazione che ha voluto esporre in questi locali museali. Si tratta di statue di cartapesta come si usava nel ‘700 e sono proprio di quel periodo” ha spiegato Gabriele Fattorini, storico dell’arte e membro del consiglio di indirizzo.

“Dal 2006 quando l’Ente si è trasformato in Fondazione di diritto privato – ha spiegato il segretario generale Gianni Baldini – ha cessato la gestione dei collegi femminili ed ha iniziato quella rivalutazione del patrimonio storico artistico. Ha anche modificato il proprio statuto per essere più vicina alle istituzioni locali perchè vogliamo collaborare per contribuire a sviluppare e far conoscere le tradizioni della nostra bellissima città”.

“In questa mostra viene fuori per l’ennesima volta l’eccellenza senese dalla sinergia e dalla squadra – ha spiegato l’assessore Francesca Appolloni. – Il nostro assessore al turismo Tirelli ha combattuto da quando è su Siena per esaltare le nostre eccellenze ma per far questo ha bisogno una squadra, quindi ben venga San Raimondo al Rifugio con questa nuova mostra, ulteriore arricchimento per il Natale”

“Un’occasione per far conoscere luoghi non molto conosciuti anche ai senesi stessi – ha concluso l’assessore Alberto Tirelli. – Quindi un plauso va a questa Fondazione. Il presidente Rustici con la sua creatività e lungimiranza non perde occasione per collaborare con le istituzioni e questo è l’esempio che dobbiamo tutti seguire”

La mostra sarà visitabile a partire dal prossimo 13 dicembre nei giorni di lunedì, mercoledì e sabato dalle ore 9:30 alle 13:00 la possibilità prenotare una visita guidata chiamando al numero 0577236363 o scrivendo una mail a cfrsiena@gmail.com