Università di Siena, laurearsi ai tempi del coronavirus: discussione della tesi in videoconferenza

Oltre cento studenti dell'Università di Siena in questi giorni discutono la tesi di laurea in videoconferenza da casa, seguiti in diretta streaming da familiari e amici. I laureandi in collegamento da tutta Italia, anche dalle città di Milano e Bergamo

Seguiti in diretta streaming da familiari e amici, ieri i primi 39 studenti dell’Università di Siena hanno discusso la tesi di laurea in videoconferenza da casa, collegandosi da tutta Italia, alcuni anche da Bergamo e da Milano. Anche il rettore Francesco Frati si è  collegato dal suo ufficio per portare il suo saluto ai neolaureati, in questo momento di grave emergenza per il Paese, che ha visto l’Ateneo impegnarsi per proseguire immediatamente, con modalità a distanza, lezioni, esami e  prove finali dei corsi.

Dopo la discussione, venerdì scorso, di una tesi di dottorato in videoconferenza, i primi due dipartimenti a sperimentare la seduta di laurea telematica sono stati quello di Filologia e critica delle letterature antiche e moderne, diretto dal professor Pierluigi Pellini, e quello e di Scienze sociali, politiche e cognitive, diretto dal professor Alessandro Innocenti.

Le sedute di laurea in videoconferenza e diretta streaming proseguono oggi e domani. Complessivamente i laureati che sosterranno la prova finale collegandosi alle “aule virtuali” saranno 112, iscritti ai corsi triennale in Studi letterari e filosofici, Scienze della Comunicazione, Scienze del Servizio sociale e ai corsi di laurea magistrale in Lettere Classiche, Lettere moderne, Strategie e tecniche della comunicazione, Antropologia e linguaggi dell’immagine, Public and Cultural Diplomacy e in Language and Mind: Linguistics and Cognitive Studies.