Vigni e Anatrini dopo le dimissioni: “Pd, ora l’unità. Basta attacchi da chi dovrebbe stare con noi”

“Il nostro è atto dovuto nel segno della responsabilità e della rigenerazione del partito”

La sconfitta del centrosinistra al ballottaggio non è stata esente da conseguenze in seno al Pd. Nell’assemblea comunale di ieri la presidente Fiorenza Anatrini e il segretario Simone Vigni hanno rassegnato le proprie dimissioni facendo decadere l’esecutivo. Si lavorerà entro il Palio di Agosto a una reggenza che prepari il campo alla nuova segreteria (LEGGI QUI: https://www.radiosienatv.it/pd-obiettivo-gruppo-dirigente-entro-palio-agosto/ ): “Per prima cosa – sottolineano Vigni e Anatrini – vogliamo ringraziare gli oltre 11.600 elettori che ci hanno dato fiducia al ballottaggio del 24 giugno. Come Pd garantiremo loro un impegno serio e costante non solo tra i banchi dell’opposizione ma soprattutto in città per continuare a dialogare con la comunità, raccogliere i bisogni e le richieste dei cittadini e portarle all’attenzione dell’amministrazione. Le nostre dimissioni sono un atto dovuto – aggiungono i due esponenti democratici- nel segno della responsabilità e della rigenerazione del partito. Per questo motivo è auspicabile un’effettiva unità sia nel Pd che tra tutte le forze di opposizione presenti in consiglio comunale. Non sono più accettabili attacchi nei nostri confronti da parte di chi dovrebbe stare dalla nostra stessa parte. Nei prossimi giorni – concludono – riuniremo la direzione per nominare la reggenza e individuare il percorso per arrivare il prima possibile alla nomina del nuovo segretario”.

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due