Affidamento riscossione tasse a Siena Parcheggi, Cgil contraria: “No alle esternalizzazioni”

Maria Luisa Ghidoli a Siena Tv: “Prima serve un accordo coi sindacati per le tutele dei lavoratori. Si apra un confronto sul contratto di servizio e sul personale”

L’approvazione in Consiglio Comunale dell’affidamento alla Siena Parcheggi di tutte le riscossioni delle tasse del Comune di Siena con un nuovo sistema in house providing (LEGGI QUI) trova il no di  Maria Luisa Ghidoli, responsabile FP CGIL nazionale servizi educativi. “Siamo decisamente contrari” è la netta posizione espressa ai microfoni di Siena Tv.

Ciò che preoccupa la Ghidoli è la mancanza di una vera e propria interlocuzione, poiché il contratto di servizio stipulato lascia ancora un po’ perplessi, vista anche l’ipotesi della possibilità di subappaltare. “Loro dicono – afferma a Siena Tv – che faranno un bando di avviso a tutti i dipendenti per ricercare la loro disponibilità; credo si stia sbagliando percorso, perché prima si dovrebbe fare un accordo con i sindacati dove si mettono scritte le tutele e dopo forse chiedere ai lavoratori chi vuole andare”, commenta Ghidoli.

La CGIL è storicamente contraria alle esternalizzazioni e questa mancanza di chiarezza preoccupa un po’ tutti i lavoratori che si vedranno cambiare il contratto di lavoro senza prima avere delle sicurezze. “Per noi la gestione diretta dei servizi è sempre la migliore – sottolinea la Cgil – se si vuole allontanare il rischio di un abbattimento della qualità e di un aumento dei costi, oltre al delegare ad altri la programmazione, la gestione ed il controllo delle attività. Le professionalità ottimali e consolidate dei dipendenti dovevano essere rimpinguate con nuove assunzioni ed un contestuale potenziamento della struttura esistente”.

A tal proposito è stato richiesto, come CGIL funzione pubblica e FILCAMS, un confronto a tavolino per poter analizzare meglio la situazione e poter dare maggiori conoscenze ai dipendenti. “Abbiamo da giorni inviato una richiesta di incontro per un confronto sul contratto di servizio dove si ipotizza la possibilità di subappaltare – continuano i sindacati – Inoltre, da mesi, chiediamo come RSU del Comune di Siena ed organizzazioni sindacali l’apertura di un confronto sul trattamento del personale coinvolto. Dovremmo stipulare un accordo su diritti e tutele. Ma purtroppo, temiamo che la scelta di questa Amministrazione sia sempre la stessa, evitare il confronto con i sindacati. E noi cercheremo di impedirlo, con tutte le nostre forze!”