Home Cronaca Colapesce con “Infedele tour” è il nuovo ospite della rassegna Rinnòvati Rinnovati
0

Colapesce con “Infedele tour” è il nuovo ospite della rassegna Rinnòvati Rinnovati

0
0

L’appuntamento, al Teatro comunale dei Rinnovati, il prossimo  28 marzo alle 21,15, è con il nuovo album dal titolo “Infedele”

Prodotto dallo stesso Colapesce insieme a Jacopo Incani – meglio noto come IOSONOUNCANE – e Mario Conte (che con Lorenzo aveva già collaborato per “Egomostro”), “Infedele” rappresenta una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della musica. Una musica libera, fuori dai vincoli di genere e dalle regole, un vero e proprio viaggio nella forma canzone attraverso stimoli e suggestioni anche opposti tra di loro. “Infedele” è infatti un atto di indipendenza intellettuale – e non solo discografica – e appartenenza rivendicata proprio attraverso la non appartenenza a nessuna chiesa. Un disco che vuole essere accessibile e complesso al tempo stesso, pop e sperimentale, moderno e antico, mediterraneo e cittadino, romantico e provocatore. Un frullatore in cui la canzone d’autore italiana si mischia con il fado portoghese, l’elettronica da club, il tropicalismo brasiliano, il free jazz, le colonne sonore di Umiliani e le ballate.

“Infedele” è vitale, pulsante, un lavoro maturo, ricco di sorprese e ‘prime volte’. Colapesce non aveva mai scritto al pianoforte o al computer, e non lo aveva mai fatto insieme ad altri (Dimartino e Luca Serpenti che firmano con lui proprio Totale), non aveva mai suonato il basso e le percussioni in un suo disco, non aveva mai lavorato sui cori.

Tutti elementi nuovi che rendono “Infedele” molto personale, anche se si tratta quasi di un lavoro collettivo: oltre IOSONOUNCANE e Mario Conte, che hanno anche suonato nei brani, Fabio Rondanini che si è occupato delle batterie, Gaetano Santoro al sax, un coro composto da altri musicisti della scena indipendente italiana (Any Other, Halfalib, Verano e Christeaux), mentre Giacomo Fiorenza e Andrea Suriani, due dei migliori produttori italiani, hanno rispettivamente mixato e masterizzato tutto nel loro Alpha Dept. Studio.

 

tags: