Coronavirus, in prima fila anche la vigilanza privata

Le guardie giurate svolgono un servizio sempre più delicato, importante e rischioso sotto tutti i punti di vista, anche a Siena e provincia nei principali supermercati

Dentro questa emergenza sanitaria dovuta al coronavirus, anche il settore delle GpG è stato chiamato a scendere in campo. È il caso dell’istituto di vigilanza “Il Globo” con sede a Pistoia e operativo in tutta la Regione con circa 500 agenti e 21 sedi, che dal giorno 9 marzo è impegnato a gestire l’afflusso dei clienti presso i supermercati Coop.Fi della Toscana.

Il servizio richiesto dalla direzione generale riguarda 17 punti vendita in tutta la Regione, tra i quali, due anche su Siena: uno alle Grondaie vicino alla stazione ferroviaria del capoluogo e l’altro a Salceto nel comune di Poggibonsi. Proprio le Guardie Particolari Giurate, spesso apostrofate “sceriffi” o “vigilantes”, da alcuni anni con la qualifica di “incaricati di pubblico servizio”, svolgono un servizio sempre più delicato, importante e rischioso sotto tutti i punti di vista.

Il lavoro, spesso articolato, vede le GpG del Globo agli ingressi poiché è stato imposto un afflusso a numero chiuso. Non sono mancate alcune tensioni da parte di alcuni clienti ma, grazie soprattutto alla formazione e la professionalità, con fermezza e buon senso al momento risulta tutto sotto controllo con l’augurio di un ritorno alla normalità quanto prima.

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Siena Motori
Europa Due
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca