David Rossi: resa leggibile la copia forense del Pc, si lavora alla richiesta di riapertura del caso

Ne danno notizia gli avvocati a Quarto Grado. Forse ad una svolta il giallo dell’hard disk

Emergono importanti novità sul caso David Rossi dall’ultima puntata di Quarto Grado in onda ieri sera su Rete4. Al centro c’è sempre il mistero sul contenuto del pc fisso dell’ufficio di Rossi, e delle copie forensi, risultate danneggiate ed illeggibili, stando a quanto annunciato a fine ottobre dalla Procura, dopo l’ultima richiesta degli avvocati della famiglia Rossi. Quarto Grado ha ripercorso il complicato passaggio di consegne dei vari hard disk e pc dalla famiglia agli avvocati fino all’ufficio dei corpi di reato, avvenuto dal 2013 ad oggi, che non ha mai però portato a ricerche approfondite all’interno degli stessi.

Martedì al Racis (raggruppamento carabinieri investigazioni informatiche), il consulente informatico della famiglia sarebbe riuscito a rendere leggibile una delle copie forensi che la Procura ad ottobre aveva dichiarato inutilizzabile poichè danneggiata: da qui partirà un’approfondita analisi che potrebbe far trapelare i motivi della fine del capo comunicazione di Mps, e si spera, nuovi elementi sul caso Antonveneta e il dissesto di Mps. Gli avvocati, Paolo Pirani e Carmelo Miceli, presenti in studio, hanno dichiarato che proprio alla luce di tali possibili indizi stanno lavorando all’istanza di riapertura del caso, fino archiviato dalla Procura di Siena. Procura che a detta degli avvocati, si è detta aperta a collaborare e valutare tutti i possibili nuovi elementi.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau