Domani, 8 marzo, sciopero di tutte le donne

Nonostante lo sciopero nazionale verranno comunque garantiti pasti nelle scuole comunali

Domani, mercoledì 8 marzo, Giornata internazionale della Donna, in più di trenta paesi del mondo ci sarà uno sciopero delle donne.

Sono interessati i settori dei trasporti, della scuola e, in generale, tutte le donne lavoratrici.

È stato ribattezzato «Lotto marzo» lo sciopero di 24 ore proclamato dai sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc e Cgil in concomitanza con la Festa della Donna. Lo sciopero è promosso in tutto il mondo dal “Movimento Internazionale delle Donne” e in Italia da “Non una di meno”, attiva contro la violenza di genere.

L’obiettivo, come dichiarato, è ribadire anche attraverso l’astensione dal lavoro il rifiuto della violenza di genere in tutte le sue forme: oppressione, sfruttamento, sessismo e razzismo. Ci saranno cortei e manifestazioni, assemblee nelle piazze, scuole e ospedali.

Anche a Siena, a causa dello sciopero nazionale, potranno esserci interruzioni e disagi nei servizi pubblici, fra i quali il regolare funzionamento delle scuole e la fornitura dei pasti scolastici.

In virtù degli accordi sindacali con l’Azienda pubblica di Servizi alla Persona “Città di Siena”, che gestisce la produzione di pasti per le mense scolastiche, sarà comunque garantita ai bambini che frequentano gli istituti dell’Infanzia e Primari comunali la somministrazione di un pranzo con pasta all’olio, mozzarella e frutta. Sarà inoltre assicurata la fornitura delle diete speciali. L’Amministrazione comunale ha deciso di applicare uno sconto alle famiglie per il pasto che verrà consumato nella giornata di domani.

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due