Due Mari, Cipe approva il progetto definitivo del tratto Grosseto-Siena

Via libera dal Cipe al progetto definitivo con adeguamento a quattro corsie della SS 223 “di Paganico” dal km. 41+600 al km. 53+400

Passo in avanti importante per il completamento della Grosseto-Siena della Due Mari (E78 sgc Grosseto-Fano). Il CIPE ha approvato questa mattina il progetto definitivo, con adeguamento a quattro corsie della SS 223 “di Paganico” dal km. 41+600 al km. 53+400. “Si tratta del via libera al progetto definitivo del Lotto 9 dell’infrastruttura – spiega l’assessore regionale alla mobilità Vincenzo Ceccarelli – un intervento di raddoppio, da due a quattro corsie, su un tratto di 11,8 km, che vale 162 milioni di euro”.

“La Regione ha seguito attentamente l’iter autorizzatorio e sollecitato Anas alla maggiore speditezza per la realizzazione di un’opera da lungo attesa e indispensabile per lo sviluppo dei territori. Quello di oggi è un passo in avanti importante. Con l’auspicio che si completino al più presto i lavori del maxilotto e possa risolversi presto il contenzioso sorto nella gara del 4 lotto e quindi possano partire i lavori. Questo intervento è parte integrante della futura Due Mari, un’infrastruttura strategica per la mobilità e lo sviluppo di tutto il Paese”. Adesso Anas deve elaborare il progetto esecutivo e poi finalmente potranno essere assegnati i lavori.

“Finalmente, dopo troppi ritardi,  riparte l’iter relativo al progetto del lotto 9 sulla Siena Grosseto. Si tratta di un passo importante, ma continueremo a vigilare e tenere alta l’attenzione affinché si completino al più presto i lavori del maxilotto,  possano partire  quelli per il lotto 4 e si possa procedere anche con l’iter per il lotto ‘0’”. Così i consiglieri del Pd in Regione Simone Bezzini  e Stefano Scaramelli commentano l’approvazione da parte del Cipe del progetto definitivo del tratto Grosseto-Siena. “L’opera da tempo attesa- proseguono Bezzini e Scaramelli- è fondamentale per i nostri territori. Adesso avanti  non solo sulla Due Mari ma anche sull’ammodernamento della Siena – Firenze e della Cassia. È importante avere tempi certi, dare risposte anche al mondo produttivo ed economico. Le infrastrutture viarie sono indispensabili per lo sviluppo del nostro territorio”.