Home Sport EMMA VILLAS Emma Villas dai due volti perde 3-2 contro l’Azimut Modena
0

Emma Villas dai due volti perde 3-2 contro l’Azimut Modena

0
0

I biancoblu ci credono fino alla fine, ma si arrendono al tie-break 9-15

La partita da dentro fuori per l’Emma Villas Volley, situazione delicatissima per i senesi dopo la sconfitta per 3-2 di sabato scorso contro Castellana Grotte, ultima in classifica e matematicamente retrocessa in A2. Non uno dei migliori avversari, infatti arriva a Siena una delle squadre più forti del campionato: l’Azimut Leo Shoes Modena di Zaytsev, Holt, Urnaut e compagni, al momento in quarta posizione in classifica a 45 punti insieme alla Revivre Milano. Una Modena che però segna un’importante assenza, vale a dire il palleggiatore americano Christenson e un arrivo eccellente, lo schiacciatore francese Tillie. Interessante sarà campire infatti chi sceglierà coach Velasco tra la sua ampia rosa di schiacciatori. Emma Villas che ritrova il pubblico amico dopo due settimane e serve una vittoria per poter sperare nella permanenza in SuperLega e dimostrare qualcosa di diverso a questo PalaEstra gremito per le grandi occasioni.
Coach Julio Velasco mette in campo al palleggio Keemink, opposto Zaytsev, banda Urnaut e Bednorz, centrali Holt  e Anzani, libero Rossini.
Coach Cichello risponde invece con un sestetto diverso dal solito: alla regia Giraudo, opposto Hernandez, di banda Ishikawa e Vedovotto, centrali Gladyr e Cortesia, libero Andrea Giovi.
Apre il match Zaytsev con un attacco da posto uno che passa tre le mani di Ishikawa e Cortesia, a cui risponde subito l’altro opposto Hernandez: 1-1. Muro granitico di GLadyr che chiude le porte a Bednorz e regala la parità 3-3, un set che parte punto a punto e che il PalaEstra spera possa regalare grande spettacolo. Due battute vincenti di Zaytsev regalano un break importante ai modenesi e il 6-10 per l’Azimut che prende il largo e costringe Cichello a chiamare un time out. Secondo time out di CIchello sul 10-16 dopo tanti errori, alzate basse di Giraudo, errori in palleggio di Hernandez e Gladyr, un’Emma Villas che al momento non sta giocando come dovrebbe, contro un’ottima Modena e soprattutto in una partita determinante come questa. Sul 12-18 cambio in regia, entra Marouf per un Giraudo poco preciso. Altro turno al servizio decisivo di Zaytsev con due aces diretti e un mezzo ace che portanto Modena sul 13-24. Set che si chiude 14-25 dopo un errore al servizi di Gladyr.
Stessi sestetti per le due squadre, una scelta abbastanza strana di Cichello vista la poca impronta sul match dei 6+1 in campo, continua a non farsi trovare pronto Giraudo, scelto ancora per Marouf, subito 1-3 Modena. Entra infatti Marouf che dimostra di saper gestire meglio il sestetto, ma niente da fare ancora Zaytsev, cecchino al servizio, con quattro aces fa volare l’Azimut 5-12. Tre battute consecutive sbagliate dell’Emma Villas rendono l’idea di come non stia andando davvero niente, Modena non fa fatica e si trova 8-15 senza fatica e grazie ai tanti regali degli avversari. Gli unici a tentare di smuovere la squadra al momento sono Gladyr e Marouf, partita complicata e piena di errori nella metà campo senese. Un ace di Gladyr riaccende un PalaEstra ammutolito e regala un più positivo -3: 14-17. Entra Savani  per Ishikawa e Van de Voorde  per Cortedia ma niente da fare Caldelli subisce Zaytsev e fa quel che puà, ma l’opposto azzuro al servizio non si ferma e regala il 14-20 ai modenesi. La fortuna premia Modena e Holt con un ace che si stampa sul nastro e cade nella metà campo di Siena: 17-23. Interrompe il break giallo-blu un attacco di Savani: 18-23, ma il set arriva alla fine con un ennesimo errore, quello di Marouf al servizio ed è 19-25 Modena. Complicando e non poco la situazione in classifica dei bianco-blu, ma quello che preoccupa di più non è solo la classifica bensì il basso livello di gioco espresso in campo, serve una reazione e sicuramente un cambio da parte anche del coach Cichello, che al momento ha dimostrato di non aver fatto scelte otiime.
Finalmente un cambio nel sestetto senese: Marouf, Spadavecchia e Savani in campo rispettivamente per Giraudo, Cortesia e Vedovotto. Una reazione sembra però ci sia stata sul campo, con un gioco più coinvolgente, e sul tabellone che segna 4-2 Emma Villas. Per la prima volta nel set la ricezione senese riesce a contenere con Ishikawa il servizio di Zaytsev e segnare con Hernandez il 6-4. Una magia di seconda intenzione di Marouf regala il 9-7 Emma Villas, così coach Velasco chiede il time out per fermare un possibile break. Tempo che risulta benefico, infatti riporta gli emiliani davanti,la prima volta nel set, 9-10 Modena e Cichello chiama la sospensione. Gladyr cerca di tenere a galla l’Emma Villas, portandola anche avanti sul 12-11. Un break finalmente dell’Emma Villas dopo un’invasione su un contrasto a muro 16-14, ma il PalaEstra esplode dopo un’azione lunghissima piena di difese e vinta dai senesi e dopo il muro di Hernandez su Zaytsev: 18-15. Un muro di Holt su Hernandez fa tremare tutto il palazzetto, adesso 20-19 ancora Emma Villas, ma al servizio ancora Zaytsev che finora ha collezionato 9 aces, ma Savani con un precisissimo mani-out regala il 21-19 sulle mani di Keemink, ma Hernandez vanifica tutto con l’ennesimo errore al servizio. Servizio vincente di Holt su Giovi regala il +1 Modena: 22-23, ripareggia i conti Ishikawa, 23-23. Primo match point 23-24 Modena grazie ad un mani-out di Urnaut. Ancora Ishikawa però segna il pareggio 24-24 con un parallelo vincente, Zaytsev fa uno dei suoi primi errori del match e regala il set point all’Emma Villas 25-24 che deve sfruttare subito. Ancor punto a punto, Gladyr attacca un colpo di prima intenzione e regala ancora un set point 26-25, ma niente ancora un errore al servizio di Ishikawa segna la parità. Un errore di Zaytsev regala il terzo set ad un PalaEstra infuocato sul 29-27. Ora è 1-2 Azimut Modena, questa è l’Emma Villas che piace a tutti e che può vincere, però rimane il rimpianto sulle scelte discutibili di Cichello dei primi due set.
Quarto set che riparte con il sestetto vincente del terzo set per l’Emma Villas, mentre Velasco schiera Mazzone per Anzani e premia Kaliberda per Bednorz. Set che riparte punto a punto 4-4 con la squadra bianco blu in palla e spinta dal tifo dei 2700 del PalaEstra. Break firmato da Ishikawa e da Hernandez riporta avanti l’Emma Villas: 9-7. Un palleggio perfetto, da fuori dal campo in zona 1, spinto da Marouf verso 4 a Ishikawa fa balzare ancora avanti l’Emma Villas 10-7, riportando il PalaEstra a gioire e soprattutto il sorriso nella metà campo bianco blu. Continua il momento di entusiasmo Emma Villas, altro break e il risultato vola sul 13-8. Inserito Tillie, il fortissimo neo acquisto modenese, al posto di un Urnaut poco incisivo, si fa vedere subito con una bella parallela e una conseguente difesa che riporta pericolosamente sotto i giallo-blu: 16-14. Un muro di Ishikawa e una conseguente azione di difesa e contrattacco riportano i senesi avanti 20-15, si intravede un fondamentale tie-break ma contro c’è Modena, che non ha alcuna intenzione di perdere punti per strada. Zaytsev al servizio, come sempre mette in difficoltà Siena che con Hernandez dopo aver ricevuto chiama la palla, ma la sbaglia scaraventandola fuori, risultato pericoloso: 22-20 Emma Villas e time out di Cichello. Set point schiacciato a terra da Hernandez: 24-22 con Mattei al servizio per Savani che tira a metà rete ed è 24-23, Holt batte forte e mazzone sfrutta la ricezione imprecisa di Ishikawa e 24-24. Sbaglia Holt e regala ossigeno ai bianco-blu 25-24, ma Zaytsev riporta la parità, 25-25. Un PalaEstra praticamente in campo che trascina i suoi e Hernadnez segna il 26-25, ancora pari con Tillie in diagonale da posto 2, il frencese poi serve fuori e di nuovo set point 27-26, ma niente da fare Zaytsev ancora a segno: 27-27, anche Mazzone lancia fuori: 28-27, così come Gladyr: 28-28. Nervosismo alle stelle Zaytsev serve fuori: 29-28. Ora al servizio Hernandez e serve in campo e con un ace si fa perdonare dei suoi tanti errori e regala questo vitale tie break sul 30-28.
Tie break che vale tanto, tantissimo e che fa rimanere in vita l’Emma Villas anche contando il 3-0 subito dalla Tonno Callipo Vibo Valentia da parte della Calzedonia Verona. Ripartono i sestetti del set precedente con Urnaut scelto al posto di Tillie. 0-3 dopo un attacco di Kaliberda , un muro di Zaytsev su Ishikawa e un attacco out di Hernandez, subito time out per i bianco blu. Rompe il break Gladyr sul 1-4. Super scambio che premia la caparbietà e la difesa senese, finalizzato tutto da Hernandea: 4-5 Velasco chiama time out e torna in partita Siena anche grazie al tifo dei 2700 del PalaEstra. Mazzone mura Savani e il cambio campo avviene sul 5-8, un errore di Urnaut sulla ricostruzione porta a -2 l’Emma Villas, che spreca ancora con il solito Hernandez che serve ametà rete: 6-9. Un muro di Mazzone sulla pipe di Ishikawa aumenta il distacco: 6-10. Cichello inserisce Maruotti per un positivo Savani senza ragioni, che sul 7-11 va in battuta, ma non mette in difficoltà con il suo servizio e regala il + 5, Hernandez segna l’8-12.  Muro di Ishikawa su Zaytsev regala gioia e il -3 Emma Villas. Holt, uno dei migliori di questo match, sbarra la strada ad Hernandez a muro sul 9-14 e Mazzone regala il match con un ace su Giovi sul 9-15. Ora l’Emma Villas è a -4 da Vibo Valentia ed ha davanti 2 gare in cui accaparrarsi più punti possibili per poter restare in SuperLega, percorso ancora duro e molto lontano.


Lorenzo Agnelli