Home Cronaca Mille Miglia 2019: l’amministrazione incassa circa 10mila euro
0

Mille Miglia 2019: l’amministrazione incassa circa 10mila euro

0
0

Spesa per le casse dell’Amministrazione che si aggira nell’ordine di poche migliaia di Euro a fronte dell’incasso di circa 10 mila Euro

Grande successo per la tappa senese in Piazza del Campo dell’edizione 2019 della Mille Miglia. La Piazza del Campo ha abbracciato le auto in gara riservando loro un tappeto verde, gioia per gli occhi e gli obiettivi di centinaia e centinaia di appassionati che sono accorsi per ammirare le auto d’epoca.

Occhi sgranati e smartphone in mano anche per partecipanti e staff che sono rimasti colpiti dallo splendore che la Piazza regala.

L’Amministrazione comunale ringrazia l’Istituto d’Istruzione Superiore Bettino Ricasoli, sezione enogastronomia, per il supporto organizzativo e la passione che studenti e docenti hanno mostrato nel collaborare alla buona riuscita dell’evento. La Fipe Confcommercio per il supporto organizzativo e logistico e per il coordinamento dell’iniziativa.

La presidente dell’Asp ed il direttore dell’Asp per aver fornito i primi piatti: un’ottima pappa al pomodoro e una buonissima ribollita.

Il Consorzio Agrario di Siena che ha fornito le eccellenze del nostro territorio: formaggi, affettati e prelibatezze varie.

Il Gruppo Nannini che ha offerto i due dolci Igp senesi: i ricciarelli ed il panforte.

Leomatic che ha offerto il caffè a fine pranzo.

E gli sponsor dell’iniziativa: Villa Trasqua e Chopard.

La spesa per le casse dell’Amministrazione per la realizzazione di questo evento si aggira nell’ordine di poche migliaia di Euro a fronte dell’incasso, oltre ai prodotti e forza lavoro offerta, di circa 10 mila Euro.

“Grazie a tutti coloro che ci hanno permesso di cogliere una così importante opportunità – ha detto l’assessore al turismo e commercio Alberto Tirelli – Una manifestazione che sino ad oggi la città subiva solamente. Quest’anno Siena – anche con le Mille Miglia – si ritrova proiettata sui media di almeno 40 Paesi del mondo. A tutti i partecipanti è stato consegnato l’invito a tornare, magari anche per degustare un buon bicchiere di vino, visto che oggi non hanno potuto bere perché dovevano rimettersi alla guida!”.