Profughi africani danneggiano la struttura che li ospita: “Sei mesi senza buono spesa”

Denunciati sette profughi africani che per protesta hanno danneggiato la struttura che li ospita

Era iniziata come una manifestazione pacifica ed è finita con sette denunce la protesta dei giovani profughi africani ospiti del centro di accoglienza temporaneo per richiedenti asilo “Abbeveratoio” a San Giovanni d’Asso.

Mohamed D., 27 anni del Mali, Lamin T., 30 anni del Gambia, Kingley J., 24 anni della Nigeria, Omo S., 21 anni della Nigeria, Attah D., 23 anni della Nigeria, Fatty B., 20 anni del Senegal, Iseria G., 22 anni della Nigeria, sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri al termine di una indagine che ha permesso di stabilire che i sette sono gli autori di alcuni danneggiamenti avvenuti nella struttura.

Durante la notte i giovani africani hanno divelto una staccionata in legno all’esterno della struttura e sono entrati in sala mensa danneggiando sedie, tavoli e stoviglie.

La protesta è scaturita dalla mancata corresponsione, da sei mesi, del buono spesa.

LEGGI anche Cerca africani Immigrati africani protestano: “Da sei mesi non riceviamo il buono spesa”