Sentiero Oxfam, a Gaiole giornata di condivisione con i minori stranieri accolti in Toscana

Domenica 10 lungo un sentiero di oltre 8,5 chilometri, lungo l’antica via che attraversa i monti del Chianti

Sulle orme dei pellegrini, per scoprire assieme ai minori stranieri non accompagnati accolti da Oxfam a Firenze e in Toscana un antichissimo percorso, attraverso un sentiero di oltre 8,5 chilometri, lungo l’antica via che attraversa i monti del Chianti. E’ la camminata lungo il “Sentiero Oxfam”, arrivata alla sua quinta edizione, che torna in programma il prossimo 10 ottobre, dopo la pausa dello scorso anno imposta dalla pandemia.

L’iniziativa è aperta a tutti coloro che vorranno unire una suggestiva esperienza in mezzo alla campagna toscana, con un momento di riflessione sul dramma dell’esodo che coinvolge oltre 82 milioni di persone nel mondo e tantissimi minori che arrivano nel nostro Paese da soli: oltre 7.800 solo nei primi 6 mesi del 2021. 286 quelli accolti in Toscana nel 2020.

Guidati dal racconto dei minori migranti delle strutture di accoglienza gestite Oxfam e dagli altri partner del progetto SAI a Firenze, accompagnati da prodotti tipici locali e vino della zona, i partecipanti si troveranno così immersi in un viaggio simbolico disseminato di cartelli e legende con rimandi alle interminabili e spesso atroci odissee a cui sono costretti i ragazzi arrivati in Italia. Lungo il percorso sarà inoltre possibile visitare il Catello di Meleto e le due splendide Pievi Romaniche di Spatenna e San Pietro in Avevano. Luoghi dal forte contenuto simbolico, che rappresentano al meglio il senso dell’accoglienza, avendo avuto nei secoli la funzione di spedali per i pellegrini e i bisognosi.