Home Cronaca Siena esce dalla Rete RE.A.DY. Sartarelli, Movimento Pansessuale-Arcigay Siena: “De Mossi ha usato il Toscana Pride solo per prendere voti”
0

Siena esce dalla Rete RE.A.DY. Sartarelli, Movimento Pansessuale-Arcigay Siena: “De Mossi ha usato il Toscana Pride solo per prendere voti”

0
0

Greta Sartarelli presidenta di Movimento Pansessuale-Arcigay Siena: “Un passo indietro sulla strada dei diritti”

“Da oggi Siena non fa più parte della Rete RE.A.DY, la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni impegnate contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Lo abbiamo appreso dalle dichiarazioni pubbliche di alcuni esponenti della politica cittadina che hanno salutato trionfalmente una decisione miope che rappresenta un segnale di imbarbarimento e segna un passo indietro sulla strada dei diritti”.

Greta Sartarelli presidenta del Movimento Pansessuale-Arcigay Siena, commenta con parole durissime la notizia dell’uscita del Comune di Siena dalla rete RE.A.DY. “Siamo in attesa di leggere le motivazioni contenute nella delibera, ma abbiamo la netta sensazione che le ragioni di questa scelta abbiano a che fare con conti e regolamenti interni alla nuova maggioranza e non con il merito delle iniziative che dal 2016 al 2018 abbiamo realizzato proprio attraverso una progettazione comune, sostenuta dal Comune con la RE.A.DY. E’ evidente a tutti che il sindaco De Mossi ha ceduto alle pressioni ricevute, dimostrando di aver partecipato al Toscana Pride di Siena solo per fini elettorali, per assicurarsi qualche voto in più”.

“Registriamo invece con piacere le reazioni indignate delle tante associazioni e realtà locali che hanno firmato questa nota, con le quali abbiamo lavorato fianco a fianco nei progetti di diffusione della cultura delle differenze, di contrasto alla violenza omo-lesbo-bi-transfobica e al bullismo, di prevenzione dell’HIV e delle IST (Infezioni Sessualmente Trasmesse) e all’inclusione delle persone LGBT+ nei luoghi di lavoro. Sono tanti i progetti che abbiamo realizzato attraverso la Rete RE.A.DY dall’attivazione degli sportelli di ascolto e di prima accoglienza “Orientiamoci alle differenze” alla formazione dei docenti “#ProfPresente”. Il nostro cammino non si ferma, daremo battaglia e non ci arrenderemo, consapevoli del fatto che tanto altro possiamo fare in sinergia con amministrazioni più illuminate e lungimiranti di questa. Ci sono già buone notizie all’orizzonte: il Comune di Castelnuovo Berardenga che ringraziamo per la prontezza con cui ha risposto alla nostra chiamata, ha deliberato il suo ingresso nella Rete RE.A.DY, ci auguriamo che altre amministrazioni della provincia prendano esempio e che il Comune capoluogo nella sua scelta colpevole, resti isolato”.