“Tuo figlio é in prigione, paga la cauzione”: finto avvocato tenta la truffa

Una donna di 80 anni non ci casca e chiama i carabinieri: chiesti 7mila euro

Nuovo tentativo di truffa Siena, in via Esterna di Fontebranda. “Tuo figlio è stato arrestato dopo un incidente, paga 7mila euro per liberarlo”.

Stavolta però un’anziana non ci è cascata. L’ignoto interlocutore ha chiamato la donna spacciandosi per avvocato e sostenendo che erano necessari 7mila euro quale cauzione per il rilascio del figlio, che si sarebbe trovato in stato di fermo per aver causato un grave incidente stradale con molte persone in fin di vita. Sarebbe poi passato dalla donna un collaboratore di quell’avvocato per ritirare la somma.

La signora quasi ottantenne comunque, pur col batticuore non ha perso la lucidità, così dopo aver interrotto la linea facendo comprendere agli impostori di non esserci cascata, chiamava i Carabinieri al 112. Truffa evitata, militari allertati e al lavoro per sensibilizzare i cittadini e monitorare la situazione in tutta la provincia.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau