Primo Graduation Day dell’Università di Siena in programma il 25 giugno in piazza San Francesco

Il Primo Gratuation Day sarà dedicato ai neo laureati e ai neo dottori di ricerca

Una giornata per celebrare il completamento di un percorso di studi universitari e il conseguimento del titolo. Una cerimonia per valorizzare l’appartenenza a una comunità alla quale si rimarrà legati ben oltre gli anni di frequentazione dei corsi.

Il primo Graduation Day dell’Università di Siena sarà dedicato a tutti coloro che si sono laureati o sono divenuti dottori di ricerca nell’anno accademico 2014/2015, attraverso un momento collettivo in piazza San Francesco, che si prospetta semplice ed emozionante insieme. Oltre 400 laureati hanno accolto l’invito e saranno presenti il prossimo 25 giugno a Siena per ricevere pubblicamente i simboli del percorso compiuto, il tòcco e una pergamena, in ricordo di una parte importante della propria vita, dedicata all’educazione universitaria.

La cerimonia sarà aperta alle 17 dal rettore Angelo Riccaboni, al quale seguirà la lectio magistralis di Carlo Cottarelli, direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale, alumnus dell’Università di Siena, sul tema “Crescita e sostenibilità”. Dopo l’intervento di Cinzia Angeli, presidente dell’associazione USiena Alumni, i partecipanti saranno chiamati sul palco uno a uno per i saluti del Rettore. In chiusura il lancio del tòcco e poi la festa con la musica di uRadio, l’emittente degli studenti dell’Ateneo.

Il primo Graduation Day sarà l’evento centrale di una serie di eventi organizzati dall’associazione degli Alumni dell’Università di Siena, in collaborazione con l’Ateneo stesso, il cui raduno annuale quest’anno sarà incentrato sul tema delle Connessioni. L’obiettivo è quello di far emergere l’importanza di rimanere in contatto, per condividere esperienze, competenze, progetti, opportunità, per creare un filo intergenerazionale tra il mondo accademico e il mondo del lavoro.

 

Errebian
Estra
All Clean Sanex
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due