Caso Siena Jazz, il presidente Bizzarri: “Decisione di Caroni, inaspettata. Difenderemo l’eccellenza che ci viene riconosciuta”

Il presidente del Consiglio direttivo: "Dimissioni di Caroni fatto straordinario e negativo. Ci adopereremo per tutelare docenti, dipendenti e studenti, e per mantenere l'alto standard qualitativo"

Tiene banco il “caso” Siena Jazz. Dopo l’approvazione in Consiglio comunale alle modifiche dello statuto, e le conseguenti e rumorose dimissioni del fondatore e direttore artistico Franco Caroni, Fabio Bizzarri, presidente del Consiglio direttivo, ai microfoni di Siena Tv annuncia che il Siena Jazz analizzerà la situazione e si difenderà, per tutelare l’eccellenza che rappresenta.

“Le dimissioni di Franco Caroni sono un fatto straordinario e negativo, giungono inaspettate  – afferma – come consiglio di amministrazione ci stiamo attivando per esaminare la questione e prendere tutte le deliberazioni conseguenti a questo tipo di decisioni . Voglio precisare, a nome del consiglio direttivo, che mi adopererò nei confronti dei soggetti che ci stanno a cuore, i dipendenti, docenti e studenti, sia della Siena Jazz University che degli altri corsi. Questa è la priorità, poi il c’è il mantenimento dello standard qualitativo dell’alta e altissima formazione che ci viene riconosciuta a livello internazionale. Nell’ottica di difendere Siena Jazz e l’eccellenza di una città come Siena”.