Comincia da Siena il percorso della Nazionale femminile Under 19 nei campionati continentali di categoria

Mercoledì 2, sabato 5 e martedì 8 ottobre gli incontri delle ragazze di Sbardella

Comincia da Siena il percorso della Nazionale femminile Under 19 nei campionati continentali di categoria: un tragitto che il tecnico Enrico Sbardella spera possa portare le proprie ragazze fino in Georgia, dove il prossimo luglio si disputeranno le fasi finali degli Europei. Ma nel mezzo non sono pochi gli ostacoli da superare, a cominciare da questo Qualifying Round – ovvero il primo turno della competizione – che vedrà le Azzurrine opporsi alle pari età di Estonia, Russia e Slovenia, con l’obiettivo di chiudere tra le prime due squadre del girone e raggiungere così l’Élite Round (il secondo step della manifestazione) che si svolgerà in primavera. A quel punto l’Italia sarebbe inserita in un nuovo raggruppamento a quattro squadre e solo la prima del girone potrà staccare il pass per la Georgia.

Le partite che si svolgeranno a Siena, allo Stadio Artemio Franchi, ad ingresso gratuito sono state presentate questa mattina, martedì 1 ottobre in conferenza stampa dall’assessore allo sport Silvia Buzzichelli, dal responsabile organizzativo locale della manifestazione Nicola Leonardi e dall’allenatrice della Robur femminile Valentina Fambrini.

Le ragazze di Sbardella disputeranno tutti e tre i loro incontri a Siena (mercoledì 2, sabato 5 e martedì 8 ottobre, sempre alle ore 15), mentre le altre gare del raggruppamento (Slovenia-Russia, Russia-Estonia e Estonia – Slovenia) si svolgeranno allo Stadio Comunale Santi Tiezzi di Cortona. “Per noi ospitare questa serie di partite della Nazionale femminile è un grande onore – ha detto l’assessore allo sport Buzzichelli – Soprattutto alla luce degli ultimi eventi che hanno visto il calcio femminile sempre più protagonista. Le partite sono tutte ad ingresso gratuito, abbiamo coinvolto le scuole e le società sportive e speriamo davvero di vedere tanti senesi allo stadio a tifare per le Azzurrine”.

“Sicuramente per Siena e anche per me come allenatrice della Robur femminile è un vanto che la Nazionale Under 19 venga in questo periodo a disputare delle gare così importanti nella nostra città – ha detto l’allenatrice della Robur femminile Valentina Fambrini – Ci tengo a ringraziare l’Amministrazione comunale e la Robur. E’ grazie a questa sinergia che questo evento si disputerà a Siena. Sarà sicuramente una vetrina importante per il movimento del calcio femminile e speriamo che tante ragazzine si avvicinino a questa realtà che purtroppo è rimasta per troppo tempo nascosta”.

“Per noi è davvero importante avere qui oggi Valentina – ha spiegato l’assessore allo sport – Vogliamo sempre più dar luce e spazio a questa squadra femminile legata ad una realtà importante come la Robur. Una scelta coraggiosa quella di Anna Durio, presidente della Robur Siena,che verrà sicuramente ripagata”.

“La Robur ha investito molto nel settore femminile e nel settore giovanile, che poi è quello che dà la spinta al movimento perché le giovani sono il futuro – ha detto Fambrini – Così come si spera che la Nazionale Under 19 sia il futuro della Nazionale femminile dei prossimi anni, noi speriamo che le bambine di Siena che si stanno avvicinando ora al calcio saranno la spinta per una squadra forte che una città come la nostra merita”.

Undici anni fa, nel 2008, agli Europei femminili Under 19, l’Italia riuscì a conquistare il titolo europeo: era la Nazionale di Sara Gama (poi eletta miglior giocatrice del torneo), Martina Rosucci, Elisa Bartoli, Laura Fusetti e Alice Parisi. E fu proprio quest’ultima a decidere la finale contro la Norvegia, realizzando nella ripresa il rigore del definitivo 1-0. La speranza è di ripetere quelle gesta e di portare tra qualche anno, sui migliori palcoscenici internazionali, le ragazze che oggi vestono la maglia dell’Italia Under 19.

“Voglio ringraziare l’Amministrazione comunale che è stata molto sensibile nell’accettare la candidatura ad ospitare l’evento e la Robur Siena che ha dato una mano importante per ciò che riguarda la parte tecnica – ha spiegato Leonardi – Questo è un evento importantissimo perché è la prima fase di qualificazione dell’Europeo che si svolge su 12 gironi. L’obiettivo della nostra Nazionale è quello di vincere il girone e ci sono tutte le condizioni per vincere – ha concluso Leonardi – Perché la Federazione investe molto sul femminile e riesce ad ottenere ottimi risultati come abbiamo visto nel recente Mondiale”. Il 4 ottobre nel Foyer del Teatro dei Rinnovati si svolgerà la cena di gala nel corso della quale le rispettive delegazioni si scambieranno i doni.

Errebian
Estra
All Clean Sanex
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Siena Bureau
Europa Due