Furto d’auto, malviventi arrestati dai carabinieri dopo un inseguimento sull’Autopalio

I militari hanno messo in manette due giovani stranieri, che avevano rubato una macchina a Staggia, dopo un rocambolesco inseguimento sulla Siena-Firenze. I due sono risultati responsabili di almeno altri 5 furti tra Poggibonsi e Monteriggioni

Inseguiti sull’Autopalio dai carabinieri dopo aver rubato un’auto, sono finiti in manette due giovani stranieri, M.R. 25enne di origini Russe, residente nel Milanese e D.M.P., di origini Polacche, 22enne senza fissa dimora, che, armati di una pistola calibro 7,65, avevano rubato un’autovettura nella frazione di Staggia Senese.

Una donna, affacciatasi alla finestra, aveva scorto i due giovani intenti ad “armeggiare” intorno all’auto del vicino nel cortile condominiale, ed ha chiamato così i militari. Sul posto è giunta rapidamente una pattuglia della Stazione Carabinieri di Colle di Val D’Elsa che ha intercettato il veicolo rubato, che sulla Strada Provinciale del Castello di Staggia si dirigeva a fortissima velocità in direzione dell’Autopalio.

I Carabinieri, quindi, hanno ingaggiato l’inseguimento accodandosi all’auto rubata che imboccava appunto  l’Autopalio in direzione Firenze ed in prossimità dell’uscita “Poggibonsi Sud”, le due auto dei Carabinieri, hanno effettuato una manovra che ha rallentato e bloccato i malviventi in fuga.

Nel corso della perquisizione M.R. veniva trovato in possesso di una pistola Beretta calibro 7,65 con il caricatore inserito ed approntata per l’uso. Con loro veniva identificata anche una ragazza minorenne proveniente dal Mugello, poi condotta in caserma per chiarirne le eventuali responsabilità. Le indagini condotte nell’immediatezza dai Carabinieri di Poggibonsi e Colle di Val D’Elsa, hanno consentito di ricostruire i movimenti della giornata dei giovani arrestati che sono risultati responsabili di almeno altri 5 furti tra Poggibonsi e Monteriggioni.

In realtà, il gruppetto era da tempo nel mirino dei militari Valdelsani, che avevano raccolto alcune segnalazioni fatte da cittadini di Staggia e che avevano già segnalato giovani quali responsabili di vari furti sulle autovetture in sosta ed in danno di alcuni esercizi commerciali della zona. Il tutto trovava riscontro anche grazie alle successive perquisizioni effettuate dai militari e dalla relativa refurtiva recuperata.

Le indagini, infine, tuttora in corso e coordinate dalla Procura della Repubblica di Siena sono volti ad accertare eventuali responsabilità dei giovani in merito anche ad altri fatti delittuosi dello stesso tenore verificatisi nella zona.