Halloween sicuro: la Guardia di Finanza sequesta 12.000 articoli

Tanti gadget provenienti dall’estero riportanti marcatura CE irregolare

In occasione del ricorrere della festa americana che si celebra la notte tra il 31 ottobre ed il 1° novembre, festeggiata anche in Italia da milioni di connazionali in locali, discoteche e feste a tema, si registra un incremento nell’acquisto di travestimenti o semplicemente decorazioni per la propria abitazione.

Più strettamente, in corrispondenza di tale evento il mercato italiano viene quindi inondato da prodotti irregolari quali maschere, zucche finte in tutte le varianti, cosmetici, costumi, mantelli, guanti ed altri gadgets, sovente provenienti da mercati esteri, riportanti in alcuni casi marcatura CE irregolare ovvero privi della prevista denominazione merceologica dei dati dell’importatore, realizzati con sostanze potenzialmente tossiche, rappresentando di conseguenza un possibile pericolo per gli acquirenti.

Proprio in concomitanza della prefata ricorrenza, i finanzieri del Comando Provinciale di Siena hanno intensificato i controlli nel settore della sicurezza prodotti, ponendo al setaccio numerosi soggetti in tutta la provincia, tra attività commerciali e ditte individuali. All’esito degli interventi sono stati sottoposti a sequestro circa 12000 articoli.

La citata attività, coordinata nell’intera provincia dal dipendente Gruppo di Siena, ha permesso di togliere dal mercato giocattoli, materiale elettrico, calcolatrici ed articoli per la casa, costumi, maschere e decorazioni di Halloween, interessando soggetti economici nei comuni di Monteriggioni, Colle Val d’Elsa, Montepulciano, Sinalunga, Torrita di Siena, Chianciano Terme, Chiusi Scalo, Piancastagnaio, comportando nei confronti di 5 targets l’elevazione di sanzioni amministrative per oltre 15000 Euro, in violazione delle specifiche normative comunitarie, recepite dall’ordinamento giuridico italiano, previste in materia di Codice del consumo, materiale elettrico e giocattoli, per mancanza del contenuto minimo di informazioni e, nel caso più specifico dei giocattoli, perché privi delle indicazioni minime sulla sicurezza e della marcatura CE.

Condotte particolarmente gravi quelle riscontrate dai Finanzieri di Siena, in quanto la marcatura CE costituisce un attestato di sicurezza a garanzia della filiera di produzione e dell’affidabilità dei materiali adoperati per la realizzazione degli articoli.

L’obiettivo, ora, sarà quello di risalire all’intera filiera del falso, per impedire il commercio dei prodotti non genuini ed insicuri che, immessi in vendita a prezzi decisamente bassi in virtù della scarsa qualità dei materiali utilizzati, mettono in pericolo la salute dei consumatori ed alterano le regole del mercato e della leale concorrenza, andando a penalizzare i commercianti onesti, rispettosi delle normative in vigore.