Home Eventi a Siena I carabinieri di Siena rendono omaggio alla loro patrona, la Virgo Fidelis
0

I carabinieri di Siena rendono omaggio alla loro patrona, la Virgo Fidelis

0
0

Cerimonia alla basilica di San Francesco

Oggi 21 novembre 2019, nella Basilica di San Francesco in Siena, in concomitanza con analoghe cerimonie che si svolgeranno su tutto il territorio nazionale, i Carabinieri del Comando Provinciale di Siena festeggeranno la loro Patrona, la Virgo Fidelis, il 78° anniversario dell’Eroica Difesa del caposaldo di Culqualber e la Giornata dell’Orfano.

Era il 1949 quando il Papa Pio XII fissò la ricorrenza nel 21 novembre, giorno in cui la chiesa ricorda la Presentazione della Beata Vergine Maria. In tale giorno, i Carabinieri ricordano l’eroico sacrificio della Battaglia di Culqualber, combattuta in Abissinia dal 6 agosto al 21 novembre 1941. In quella battaglia, il 1º Gruppo Mobilitato dei Carabinieri si immolò quasi totalmente. Il valore dimostrato fu cosi considerevole che ai pochi sopravvissuti furono tributati l’onore delle armi, mentre alla bandiera dell’Arma dei Carabinieri venne concessa una medaglia d’Oro al Valor Militare.

Il ricordo del glorioso episodio bellico richiama altresì la memoria dei tanti Carabinieri generosamente sacrificatisi con eroismo e altissimo senso del dovere in oltre due secoli di storia dell’Arma, in tempo di guerra e in pace, per la difesa della collettività e del bene comune.

Nello stesso giorno viene celebrata anche la Giornata dell’Orfano, sostenuto costantemente dall’Opera Nazionale di Assistenza agli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (ONAOMAC), con i contributi volontari mensili dei Carabinieri di ogni grado, nonché attraverso elargizioni liberali da parte dei Militari stessi e di privati cittadini estimatori dell’Istituzione.

Nella circostanza odierna verrà inoltre attribuito un riconoscimento al figlio del Brigadiere Vito Torres, medaglia d’argento al valor militare vivente e grande invalido che fu gravemente ferito in un conflitto a fuoco con dei camorristi nel maggio 1992 a Caserta. Il figlio Marco Onofrio, col contributo anche dell’ONAOMAC, ha completato quest’anno i propri studi, laureandosi in Medicina e Chirurgia all’Università di Siena.