Oggi la marcia per chiedere verità sulla morte di David Rossi

Alle 17,30 da Piazza Salimbeni la marcia per David Rossi

Erano le ore 21 di un mercoledì 6 marzo umido e piovigginoso del 2013. La notizia squarciò il silenzio di una città alle prese con le chiacchiere sulle disavventure del Monte dei Paschi. In via dei Rossi si riversarono in tanti, familiari, amici, presunti amici, curiosi ed anche qualche detrattore. Suicidio fu la prima parola pronunciata. Suicidio provocato o “suicidio” alla Roberto Calvi fu quello che pensarono in tanti.

Ma suicidio andava comunque bene per coloro che volevano mettere al più presto una pietra sopra alla vicenda e per coloro che auspicavano una veloce archiviazione del caso.

Un suicidio al quale la moglie Antonella Tognazzi non ha mai creduto. Con una forza incredibile, in molti momenti sola, anche se insieme alla figlia Carolina e alla famiglia di David, contro tutti, Antonella ha combattuto contro una facile archiviazione. Ed ha chiesto verità. Una verità che non può essere tale quando le ricostruzioni dei periti e le immagini cozzano in maniera pesante con quella che voleva essere fatta apparire come l’unica, sola, comoda, possibile, soluzione: il suicidio.

Antonella è riuscita a far divenire il sospetto una realtà sempre più possibile. E dalla sua parte ha portato, giorno dopo giorno, sempre più persone. Siena Tv ha dedicato in questa settimana tutte le sue trasmissioni di approfondimento al caso David Rossi, rivelando anche incredibili novità (LEGGI l’articolo).

Oggi, domenica 6 marzo, alle ore 17,30 in Piazza Salimbeni, si ritroveranno tutti i senesi che vogliono la verità. Per David Rossi, ma anche per la città e per Antonella, Carolina, per i fratelli e per la mamma che oggi scrive su La Nazione: “Mi avevano promesso giustizia, da tre anni sto aspettando. Io voglio la verità”.

 

Errebian
Electronic Flare
All Clean Sanex
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due