Vareno Cucini sul 118: “Necessario più personale”

Cucini: “Mancano almeno 6-7 unità mediche”

Il presidente della Pubblica Assistenza Vareno Cucini interviene sulle problematiche del 118 sulle colonne de La Nazione e con una lunga intervista a RadioSienaTv (nei tg di oggi, 25 luglio).

“Hanno voluto importare a Siena un modello da fuori. Un modello considerato perfetto in un’altra realtà, che secondo loro avrebbe dovuto replicarsi qui allo stesso modo, ma nella fase di passaggio – spiega Vareno Cucini – sono stati sottovalutati gli aspetti territoriali del servizio”.

“Le ambulanze hanno bisogno di più personale. Ad oggi mancano almeno 6-7 unità mediche per le ambulanze e abbiamo riscontrato noi stessi il problema di recente: la notte del Palio, fra 2 e 3 luglio, risultava scoperta una delle due postazione fisse su Siena, quella che a turno copriamo noi e la Misericordia. Solo all’ultimo momento è stato trovato un medico, normalmente di servizio a Grosseto, che si è prestato per coprire quella notte. Quel medico ha fatto ben 4 interventi, compreso per finire un parto a Montalcino”.

“I medici non possono essere surrogati da personale di ambulanze Blsd: che è il personale volontario adeguatamente formato ad intervenire con procedure di soccorso, ma non sono medici. E’ evidente che la coperta attuale sia corta, con il rischio effettivo di lasciare scoperti servizi fondamentali”, spiega ancora il presidente della Pubblica Assistenza.

L’intervista completa nei notiziari di RadioSienaTv

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca