Home Cronaca “Y Storica” apre a taxi e veicoli con contrassegno Cude: ok dal Consiglio
0

“Y Storica” apre a taxi e veicoli con contrassegno Cude: ok dal Consiglio

0
0

Corsi: “Servizio di cui avevano bisogni residenti, anziani, e clienti delle attività ricettive”

Approvata all’unanimità, nella seduta odierna del consiglio comunale, la delibera che prevede modifiche alla circolazione nella zona a traffico limitato della città,  nello specifico la possibilità di transitare nella “Y Storica” dei taxi e dei veicoli dei titolari di contrassegno CUDE (Contrassegno Unificato Disabili Europeo) (LEGGI QUI: https://www.radiosienatv.it/pronto-lutilizzo-del-servizio-taxi-dentro-la-y-storica/ ).

“A seguito delle notevoli criticità  – ha esordito il vicesindaco Andrea Corsi – emerse dall’ulteriore restrizione alla Ztl nella cosiddetta ‘Y Storica’ effettuata dalla precedente amministrazione, con questo provvedimento i taxi potranno  nuovamente accedervi per prelevare e accompagnare i residenti della zona, in particolare le persone anziane che hanno oggettivamente bisogno di questo tipo di servizio, e i clienti diretti ad attività ricettive, ristoranti, uffici postali, farmacie e ai servizi pubblici e privati della zona”. L’autorizzazione riguarderà anche i titolari CUDE che potranno raggiungere la propria residenza, le attività e i servizi con sede nella “Y storica”.

Il divieto di sosta e transito resterà invariato per tutti gli altri che non  potranno accedere nella zona in questione costituita da: Banchi di sopra, Banchi di sotto (da via San Vigilio a via di Città), via di Beccheria, via delle Campane, l’anello superiore del Campo, via del Castoro (da via di Città a via del Poggio), via di Città, vicolo del Coltellinaio, via delle Donzelle (da Banchi di Sotto a vicolo del Viscione), via dei Pellegrini (da via di Città a via di Monna Agnese), vicolo Beato Pier Pettinaio, via dei Pontani, via dei Rossi (da Banchi di Sopra a via del Refe Nero), via delle Terme (da piazza Indipendenza a via di Città) e vicolo della Torre, con l’esclusione di alcune tipologie di veicoli come stabilito nelle passate deliberazioni.