Assemblea Mps: se non ricapitalizza bail in di 13miliardi

E’ in corso l’assemblea degli azionisti Mps

Prosegue l’assemblea degli azionisti della banca Mps nella sede di viale Mazzini a Siena. E’ la fase degli interventi degli azionisti, che si stanno avvicendando al microfono. Dopo gli interventi è previsto lo spazio per le risposte da parte del presidente Tononi che è alla sua ultima assemblea essendo dimissionario (sarà sostituito da Alessandro Falciai) e dell’amministratore delegato Morelli.

Gli azionisti avranno poi il diritto di replica, quindi si passerà alla votazione dei punti all’ordine del giorno, quali l’aumento di capitale da 5 miliardi di euro e la nomina del sopracitato Falciai come presidente.

Nel caso in cui non andasse in porto l’operazione di ricapitalizzazione di Mps, all’esame dell’assemblea degli azionisti oggi, per un’eventuale risoluzione sarebbe necessario un bail-in di 13 miliardi. E’ quanto emerge nelle risposte scritte preparate dall’istituto senese per l’assemblea degli azionisti in risposta alle domande dei soci.

“Il contributo in caso di risoluzione al ripianamento delle perdite e alla ricapitalizzazione da parte dei detentori di passività soggette a bail-in, prima che il contributo del fondo di risoluzione possa essere disposto, determinato sulla base della posizione del gruppo Mps al 31/12/2015 (data di riferimento degli ultimi dati comunicati dall’autorità di risoluzione) è stimabile in 13 miliardi”, si legge nei documenti circolati oggi in assemblea.

In un passaggio successivo viene precisato che “il valore teorico massimo del contributo al fondo di risoluzione è stimabile, sulla base di dati consolidati al 31 dicembre 2015, in circa 8 miliardi”.

Il Monte dei Paschi risponde a molte domande scritte dei soci che la interpellano sul fallimento della proposta alternativa per il risanamento presentata dal banchiere Corrado Passera. In una delle risposte alle domande scritte si legge: “La banca sarebbe stata ben lieta di valutare con maggiore dettaglio la proposta di Passera e ritiene, anzi, di aver fatto ogni ragionevole sforzo per consentirgli di solidificare la propria proposta”.

Lusini Gas
Estra
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca