Ladro in chiesa a Montepulciano sorpreso dal prete tecnologico

E’ entrato nella Chiesa di San Biagio a Montepulciano come un fedele

“Chiedo scusa ma non potete disturbarmi mentre sono raccolto in preghiera!” – così ha risposto ai Carabinieri di montepulciano il cinquantanovenne ascolano dopo aver sottratto 80 euro dalle cassette dell’elemosina nella Chiesa di San Biagio. Entrato come un fedele qualunque, convinto che una comitiva di turisti coreani, impegnata ad ammirare le bellezze artistiche del santuario, non badasse a lui, ha pescato dal contenitore delle offerte,  con metro pieghevole in legno e nastro biadesivo, monete e banconote. Il bottino poteva essere anche piu’ corposo se uno degli orientali in visita nella Chiesa non avesse assistito alla scena e lanciato l’allarme, tramite la guida turistica che accompagnava il gruppo. E cosi’ sono bastati pochi minuti perche’ il sagrestano avvertisse il parroco, che si e’ collegato subito tramite smartphone al sistema interno di videosorveglianza. Il sacerdote ha cosi’ potuto osservare in diretta la scena che inchiodava il ladro e ha chiamato i carabinieri. Quando i militari dell’Arma sono entrati in Chiesa, il’uomo, un ascolano di 59 anni, aveva fatto appena in tempo a nascondere i suoi attrezzi da lavoro e si era messo in ginocchio per pregare. I carabinieri, pero’, non si sono lasciati influenzare: hanno accompagnato l’uomo in sagrestia, lo hanno perquisito e hanno recuperato subito la refurtiva e gli strumenti per il furto. Dai primi controlli è emerso che non era la prima volta: l’uomo aveva gia’ ricevuto diverse denunce in tutta Italia per ‘imprese’ simili. In attesa del rito direttissimo col quale verrà giudicato dalla magistratura senese, dovrà permanere nelle camere di sicurezza dei Carabinieri di Montepulciano, dove potrà riflettere sul progresso tecnologico che, purtroppo per lui, ha ormai investito anche i preti di provincia.

Estra
Lusini Gas
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Golmar Igiene professionale
Siena Bureau
Terre Cablate
Chianti Banca
Centro Farc