Muore a Caracas: la salma di Monciatti rientra in Italia

Muore a Caracas, in Italia un’altra autopsia

E’ previsto per venerdì 17 giugno il rientro in Italia della salma di Mauro Monciatti, il funzionario del consolato italiano di Caracas trovato morto nella sua casa in Venezuela il 6 giugno scorso. L’uomo, 63 anni, era originario di Sinalunga.

LEGGI Diplomatico senese ucciso a Caracas: un mistero

LEGGI anche Morte a Caracas, le indagini parlano di infarto ma non convince

LEGGi anche I primi particolari sul delitto di Monciatti a Caracas

La salma viaggerà su un volo della compagnia Iberia e atterrerà nel pomeriggio all’aeroporto di Fiumicino a Roma.

Secondo quanto si apprende da fonti vicine alla famiglia, sul corpo di Monciatti sarà eseguita una seconda autopsia, dopo quella già effettuata a Caracas che avrebbe evidenziato che l’uomo sarebbe deceduto per un infarto. L’esame dovrebbe tenersi nei prossimi giorni o a Roma o a Siena.

E’ quanto disposto dalle procure delle due città che collaborano negli accertamenti sulla morte del funzionario italiano. Solo dopo l’esame autoptico, la salma sarà restituita ai familiari per il funerale nella chiesa di San Pietro ad Mensulas di Sinalunga. Il funzionario sarà sepolto nella cittadina senese come richiesto dai familiari.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau