Acn Siena non va oltre il pari a reti bianche a San Donato

Termina 0-0 la gara di esordio di mister Argilli

La gara tra San Donato e Acn Siena 1904 è per Argilli l’esordio sulla panchina bianconera e si conclude con uno 0-0.
Siena ancora con il 4-3-3 e lo stesso Tridente offensivo visto contro il Trestina.
Mister indiani risponde con un 4-2-3-1 molto coperto.

L’inizio della gara è segnato da un Siena volitivo che cerca di imporre il proprio gioco e subito al quinto minuto Gibilterra fallisce sottoporta un’ottima occasione di testa su cross di Martina. Qualche minuto dopo risponde Di Santo con una buona occasione per il San Donato, il centrocampista si destreggia molto bene in area ma la conclusione finisce fuori.
Continua il forcing del Siena, La partita è molto piacevole perché anche il San Donato non esita a controbattere sul fronte offensivo.

Il Siena continua a pungere ed è Gibilterra che scaglia un tiro dal vertice destro dell’area che si perde di poco a lato. Ma pochi minuti dopo grandissima occasione per il San Donato ed è Carminati che toglie letteralmente la palla dalla porta.

Al ventunesimo Guidone conquista un calcio di punizione dal limite, il tiro di Agnello è molto potente ma centrale e Signorini neutralizza la conclusione del centrocampista. Pochi minuti dopo il San Donato si rende pericolosissimo con Poli ed è Carminati che toglie letteralmente la palla dalla rete del Siena.
Al 31′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo Bani spizza benissimo per Martina che fallisce una clamorosa occasione, Siena sfortunato e sciupone, ma pochi minuti dopo ancora il San Donato pericolosissimo Di Santo calcia a portiere battuto ed è Ruggeri questa volta a salvare il Siena da un sicuro svantaggio.

Gran momento del San Donato ancora pericolosissimo con Di Santo ancora sugli scudi, che coglie il palo interno della porta di Narduzzo. Molto più decisa in questa fase della partita la formazione dei padroni di casa guidata da Mister Indiani. Si chiude così il primo tempo tra San Donato e Siena, nel segno di un San Donato molto efficace che ha messo molto spesso in difficoltà la retroguardia dei bianconeri.

Inizia il secondo tempo, nessun cambio stesse formazioni per i due allenatori
Nelle fasi iniziali di 11 di Argilli cercano di mettere in difficoltà i padroni di cani con un buon possesso e con una buona intensità
Indiani a questo punto opera un cambio entra Videtta al posto di Montini, risponde Argilli con inglese con ingresso di Gerace posto di Bani e di Mahmudov per Gibilterra.
Per Indiani ancora un cambio esce Tartaglione per Viligiardi e nel Siena Marco Guidone lascia il posto a Sartor, ma la fase offensiva del Siena appare molto sterile mentre il San Donato riesce a presidiare molto bene tutte le zone del campo ad impedire le ripartenze del Siena e a ripartire a tua volta con pericolosità, tenendo costantemente impegnata la retroguardia bianconera.

A meno di un quarto d’ora dalla fine Argilli inserisce anche Nunes che prende il posto di un esausto Martina. La gara prosegue sulla stessa traccia di come era iniziata con un Siena volitivo ma poco produttivo è un San Donato che punge continuamente con il suo numero 10 Di Santo che senza ombra di dubbio è il migliore in campo vera spina nel fianco per la retroguardia Senese.
Nei minuti di recupero il Siena prova ad alzare l’intensità del gioco in attacco ma trova sempre un attentissimo San Donato pronto a ripartire con pericolosità.
Negli ultimi istanti della gara di Siena trova con tutte le sue forze a far sua la gara conquistando due punizioni pericolosi la prima con Mahmood si perde alta sulla traversa la seconda con agnello che crossa al centro dell’area vede la spizzata di Sartor perdersi sul fondo.