Emergenza Coronavirus, la Coop delle Grondaie introduce il numero chiuso

Due agenti conteggiano i cittadini in entrata e in uscita

La Coop delle Grondaie è da questa mattina a numero chiuso. Sono due le guardie giurate che controllano i cittadini in entrata e in uscita. Il massimo delle presenze consentite si aggira sulle 500 unità, anche se i numeri non sono da ritenersi ufficiali per il momento. Una volta superato il numero consentito, le porte del supermercato si chiuderanno per poi riaprire solamente quando ad uscire saranno alcune decine di cittadini. Ad essere attiva è anche un’impresa di pulizia: il compito è quello di igienizzare carrelli, scaffali e quant’altro. La mascherina non è obbligatoria per il personale, ma quest’ultime restano a disposizione assieme a guanti e gel igienizzanti, di cui i cittadini potranno usufruire nei punti indicati dalla cartellonistica. Cartellonistica che all’interno degli spazi del supermercato indica le buone norme da mantenere: è fatto divieto infatti di sostare di fronte ai dipendenti in cassa. Nelle prossime ore queste norme saranno estese anche ai banchi della gastronomia, pescheria, panetteria e quant’altro. Saranno infatti apposte delle strisce in terra, utili per segnalare le distanze da rispettare. Agli altoparlanti gli annunci di sicurezza sono frequenti, ma la gente pare essere tranquilla, ci racconta un dipendente. Per essere un lunedì l’afflusso è nella media, ma si teme il grande assembramento del fine settimana, in cui far rispettare tutte le indicazioni, sarà certamente più difficoltoso.

Electronic Flare
Estra
Terre Cablate
Centro Farc
Siena Bureau
Europa Due