Lectio magistralis del ministro Fioramonti a Siena: “Un miliardo per scuola e ricerca e insegnanti al centro”

Il neo ministro all’istruzione ha tenuto una lezione al Santa Chiara Lab: “Abbiamo bisogno di una generazione di studenti che sappia innovare e immaginare un mondo diverso”

Il neo ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Lorenzo Fioramonti, era oggi presente a Siena per tenere una lezione magistrale al Santa Chiara lab dell’Ateneo nell’ambito della Scuola di alta formazione sui temi della sostenibilità, nel giorno in cui riparte l’anno scolastico. Il ministro, legato a Siena per aver conseguito presso l’Ateneo il dottorato in Scienze politiche (Politiche europee e comparate), ha tenuto una lezione aperta al pubblico nell’ambito della tavola rotonda “L’educazione salverà il pianeta?”. Dopo, si è soffermato con i cronisti per fare il punto della situazione sul mondo della scuola e le sue necessità:

“Ritengo imprescindibile – ha detto ai microfoni – avere un miliardo di euro in più per Università e sistema di ricerca. E’ una cifra che di per sè non basta nemmeno per tornare ai livelli pre-crisi del 2008. Si è stimato che ne servano almeno 3. Abbiamo in mente una serie di proposte per trovare parte dei finanziamenti, vogliamo avere anche le coperture. La scuola e l’università sono al centro della visione del governo, in questa legge di bilancio ci sarà forte inversione di tendenza. Gli stipendi degli insegnanti? L’insegnante deve tornare a svolgere quel ruolo sociale che gli spetta all’interno di una società dinamica che investe nel capitale umano. Investire nella scuola significa anche investire nei legami sociali, nelle attività del territorio. Abbiamo bisogno di una generazione di studenti che sappia innovare e immaginare un mondo diverso”.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau