Suppletive Siena, Mallegni (Forza Italia): “Votare Letta significa condividere dissanguamento Mps”

Una partita che si gioca molto sul tema della Banca senese. Il 24 settembre il Ministro Brunetta sarà a Siena per sostenere Marrocchesi Marzi e parlare anche di Mps

“Se i senesi andranno a votare per la sinistra significa che hanno condiviso il dissanguamento del Monte dei Paschi, la distruzione del territorio e l’annichilimento di tutte le risorse di questa città. Se non lo condividono, come io spero, voteranno Marrocchesi Marzi“. Così il coordinatore regionale di Forza Italia Sen. Massimo Mallegni è intervenuto questa mattina durante la conferenza stampa di Forza Italia in appoggio al candidato del centro destra alle prossime elezioni suppletiva Tommaso Marrocchesi Marzi.

“Per la seconda volta viene proposto dalla sinistra un candidato non di Siena. Dopo che quello di prima si è dimesso per diventare presidente di una banca che verrà qui a fare shopping a carico dei senesi e dell’Italia intera, oggi ci piazzano il segretario del PD” dice Mallegni. Una partita, quella delle suppletive, che sembra giocarsi molto sulla questione che riguarda Banca Monte dei Paschi di Siena. “Veder sparire il Monte dei Paschi è una questione che riguarda la dignità di una città intera – commenta il sindaco di Siena Luigi De Mossi, presente anch’egli questa mattina -. La perdita del Mps significa la perdita di una parte significativa della storia di questa città. Non possiamo passare sopra una cosa del genere senza manifestare, in maniera pacata, quella che è stato il rispetto che c’è sempre stato tra la cittadinanza e la Banca”.

Il primo cittadino senese si è messo in contatto con il premier Draghi, dal quale però non ha ancora ricevuto risposta, proprio per trattare la questione Mps. Le speranze di De Mossi non sembrano però vacillare. “Secondo me Draghi capisce che la partita non può essere solo nel tecnicismo bancario ma deve essere anche sul piano politico” spiega.

Intanto proprio su Mps Forza Italia ha deciso di riunire tutti i membri delle Commissioni, i Ministri, i parlamentari del territorio, i consiglieri comunali e provinciali, il sindaco di Siena e il coordinatore nazionale Tajani per fare il punto della situazione. Il 24 settembre inoltre il Ministro Brunetta sarà a Siena per parlare anche di Mps, per la quale il centrodestra ha fatto partire una raccolta firme che verrò consegnata direttamente al Presidente del Consiglio.

“La raccolta firme serve perché il Parlamento prenda atto di una banale necessità: quella di prendere tempo per capire se esistono altre opportunità diverse per la Banca – spiega il candidato alle prossime suppletive Marrocchesi Marzi – Quella che avverrebbe è una “macelleria”, significherebbe mettere a repentaglio la nostra identità, la nostra tradizione e la nostra cultura”.